Cerca

Derby contro Ostuni Brindisi al fotofinish nell'anticipo di basket

di FRANCO DE SIMONE
BRINDISI - Sono i contropiede dell’Enel l’arma che «uccide» l’Assi. E questo accade solo nell’ultimo periodo della gara, in pratica da quando (64-64), l’Assi perde definitivamente Johnson (contrattura), cioè il leader. Con lui in panca e con Williams inutilizzato, l’Assi è stato costretto ad arrendersi (73-79), lasciando a Brindisi i primi due punti della stagione di Legadue maschile di pallacanestro. Ma Ostuni è piaciuta molto. Eccome se è piaciuta
Derby contro Ostuni Brindisi al fotofinish nell'anticipo di basket
ASSI OSTUNI-ENEL BRINDISI 73-79 

Assi Ostuni: Johnson , Jurevicus 12 (3/7, 1/6), Rinaldi 9 (3/6, 1/1), Carenza 6 0/2, 1/1), Williams n.e., DiLiegro 16 (6/10), Marino 6 (0/2, 1/3), Margio n.e., Basei 2 (1/1, 0/1), Rossetti 1. All. Marcelletti
Enel Brindisi: Renfroe 19 (3/4, 2/5), Hunter 15 (4/7, 1/4), Ndoja 11 (3/3, 1/5), Callahan 9 (3/4, 1/3), Borovnjak 6 (2/3), Maestrello, Poletti 2 (1/2), Formenti 13 (4/5, 1/4), Simoncelli 4 (1/1, 0/3), Zerini n.e., Vorzillo n.e., Preite n.e.. All. Bucchi.
Arbitri:Masi, Materdomini, Scrima.
Parziali: 26-17, 39-29, 56-50
NOTE: tiri liberi Ost 18/27, Br 19/26. Tiri da 2: Ost 17/34 (50%), Br 21/29 (72%). Tiri da 3: Ost 7/17 (41%), Br 6/26 (23%). Rimb. Ost 29 (Diliegro 9), Br 29 (Callahan 11). Ass Ost 11 (Johnson 4), Br 10 (Renfroe 3). Uscito per 5 falli: Borovnjak (60-55, 33’51”).

di Franco De Simone

BRINDISI - Sono i contropiede dell’Enel l’arma che «uccide» l’Assi. E questo accade solo nell’ultimo periodo della gara, in pratica da quando (64-64), l’Assi perde definitivamente Johnson (contrattura), cioè il leader. Con lui in panca e con Williams inutilizzato, l’Assi è stato costretto ad arrendersi, lasciando a Brindisi i primi due punti della stagione. Ma Ostuni è piaciuta molto. Eccome se è piaciuta.

C’è solo Assi nel primo quarto di gara, con gli uomini di Marcelletti che chiudono con un perentorio 26-17, grazie al tiro da 3 sul fino della sirena di Marino. La differenza, nettissima, sta tutta nel fatto che la squadra ostunese corre a mille all’ora, mentre Brindisi va in totale confusione con gli uomini che, più dei giovani, dovrebbero assicurare un buon margine di esperienza. Johnson mette in ansia Renfroe, superato spesso in velocità. Pian piano i gialloblu, più motivati dei loro avversari, imprimono la svolta alla gara e, una volta prese le redini del gioco, lo conducono. Ostuni guida perché Marcelletti fa applicare ai suoi uomini una pallacanestro semplice, quasi elementare, contro la quale Brindisi si intestardisce con il tiro da fuori che non dà alcun frutto.

Nel secondo tempino, una volta trovata la chiave di volta per aprire la difesa del Brindisi, l’Assi continua a martellare e al 14’ sono 13 le lunghezze di vantaggio: 33-20. In mezzo al frastuono generale, anche un paio di «cappellate» degli arbitrali, inadeguati. Tanto per rispetto verso i gialloblu, e non certo per scusare Brindisi che al 15’ è costretto a fare a meno di Borovnjak, gravato di 3 falli. Marino che commette un intenzionale su Simoncelli, dopo lo 0/2 del brindisino, va dall’altra parte ad infilare due liberi che portano Ostuni sul +14: 35-21. Johnson è l’implacabile martellatore che firma il +16: 39-23, vantaggio poi ridotto a 10 lunghezze con i canestri di Simoncelli (2/2) e di Callahan. Bucchi, continua a mischiare le carte nella speranza di trovare l’uomo che non ha (un leader) Logica la conclusione del primo tempo: 39-29.

Nel secondo tempo non cambia niente. La ripresa è la fotocopia dei primi 20’, Brindisi riduce, va a -8 (41-33), ma è fuoco di paglia perché al 25’ sono nuovamente 13 le lunghezze di vantaggio 48-35. Nei secondi 5’ del tempo, Brindisi, però, sembra dare segni di risveglio, al punto di chiudere sul -6: 56-50, rimandando tutto all’ultimo quarto di gara.

È il tempino del recupero di Brindisi che arriva al 64 pari (Hunter da sotto) quando mancano 3’26” alla fine; Renfroe mette un paio di liberi e va sul 64-66, vantaggio annullato da Diliegro. Ultimi 2’: Hunter riporta su Brindisi, Carenza fa 2/4 dalla lunetta e a 27” è 71-73. Hunter riuporta (2/2: 71-75) su Brindisi, ma sono i 2 punti di Ndoja e il contropiede di Renfroe a chiudere il match.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400