Cerca

Arrestato Del Core, ex giocatore del Foggia

Fermato in flagranza mentre incassava un assegno estorto all'ex presidente del Foggia Calcio. Insieme a lui esponenti del clan mafioso barese dei Capriati
Umberto Del Core FOGGIA - L'attaccante dell'Arezzo, Umberto Del Core, di 25 anni, di Bari, è stato arrestato con altre quattro persone con l'accusa di estorsione all'ex presidente del Foggia Calcio Antonio Vitale.
Il giovane è stato bloccato dagli agenti quando, in un bar foggiano, riceveva un assegno da 70.000 euro per il quale - secondo la denuncia di Vitale - aveva minacciato, con i suoi presunti complici, tutti pregiudicati baresi, l'ex dirigente della squadra rossonera pugliese.

Con Del Core, sono stati arrestati Leonardo Pellecchia, di 32 anni, Nunzio Monti, di 21, Luigi Martiradonna, di 23, e Maurizio Larizzi, di 22, tutti di Bari. Questi ultimi quattro - secondo la polizia - sono tutti aderenti al clan barese dei Capriati.
Vitale - a quanto si è saputo - avrebbe denunciato che l'ex calciatore del Foggia Calcio pretendeva da lui una somma di 70.000 euro. A quanto è stato reso noto, Del Core la settimana scorsa si era recato a Foggia con altre tre persone: insieme, sotto la minaccia di un' arma avevano minacciato Vitale perchè consegnasse la somma. Tutti e quattro, in quella circostanza, avevano anche avvisato Vitale che sarebbero tornati dopo alcuni giorni e che avrebbe dovuto allora consegnare la somma: se Vitale non l'avesse fatto avrebbe rischiato di essere ucciso.
Oggi c'era l' incontro fissato in un bar in centro a Foggia per la consegna da Vitale a Del Core dell'assegno di 70.000 euro. Al momento del passaggio dell'assegno nelle mani del presunto estorsore, gli agenti della squadra mobile sono intervenuti e hanno arrestato i cinque.
Il pm che dirige le indagini è Ludovico Vaccaro, della Procura presso il tribunale di Foggia.

L'ALLENATORE MARINO, NON RIESCO A CREDERCI
«Incredulità e sgomento» sono i sentimenti espressi, per l'arresto dell'attaccante pugliese Umberto Del Core, dall'allenatore Pasquale Marino, esonerato due settimane fa dall'Arezzo. Marino alla guida del sodalizio rossonero per tre stagioni, quando approdò nella panchina dell'Arezzo volle a tutti i costi il bomber barese Umberto Del Core, che aveva avuto nella squadra pugliese. «Non riesco a crederci», ha detto Marino alla notizia del fermo di polizia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400