Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 18:09

Castellana in grigio i tre punti sfumano nella prima di A2

CASTELLANA - La New Mater riscopre quanto sia difficile il campionato di A2. Certo, nessuno alla vigilia aveva sottovalutato Sora, e non solo per la presenza in campo dell'ex Libraro. Come due anni fa ci sono voluti cinque set per superare i ciociari, di sicuro anche perché gli episodi hanno svantaggiato la squadra di casa come qualche decisione arbitrale e, soprattutto, l'infortunio dell'opposto Milushev, messo ko al termine del primo set: la lussazione all'anulare sinistro rimediata su un contrasto a muro mette in dubbio la presenza del bulgaro nelle prossime gare
• Molfetta punge ma il successo sfugge all’ultimo
Castellana in grigio i tre punti sfumano nella prima di A2
BCC NEP CASTELLANA-GROTTE–GLOBO SORA 3-2 

BCC NEP CASTELLANA:Falaschi 5, Milushev 5; Rodriguez 17, Castellano; Elia 12, Salgado 14; Cicola (L); Cazzaniga 14, Maric 11, Giosa, Ricciardello. N.e. Torre, Rinaldi. All. Monti.

SORA: Scappaticcio 3, Van Dijk 31, Ferreira 11, Libraro 12, Moretti 2, F. Pagni 8, M. Gatto (L), Scuderi, Gemmi 3, M. Pagni 3. N.e. Buzzelli, Gaetano. All. A. Gatto.

ARBITRI: Piersanti di Perugia e Oranelli di Baiano di Spoleto (Pg)

NOTE Progressione set: 25-19 (27’), 23-25 (29’), 25-21 (29'), 21-25 (26'), 15-11 (16’) per un totale di due ore e 7 minuti. Spettatori: 1500. Battute vincenti: Castellana 3, Sora 2; b.s. Castellana 18, Sora 16; muri: Castellana 11, Sora 6.


CASTELLANA - La New Mater riscopre quanto sia difficile il campionato di A2. Certo, nessuno alla vigilia aveva sottovalutato Sora, e non solo per la presenza in campo dell'ex Libraro. Come due anni fa ci sono voluti cinque set per superare i ciociari, di sicuro anche perché gli episodi hanno svantaggiato la squadra di casa come qualche decisione arbitrale e, soprattutto, l'infortunio dell'opposto Milushev, messo ko al termine del primo set: la lussazione all'anulare sinistro rimediata su un contrasto a muro mette in dubbio la presenza del bulgaro nelle prossime gare.

Fino a quel momento la Bcc-Nep è sembrata padrona del campo ma, sebbene per tutto l'incontro sia stata evidente la differente caratura tecnica, non è riuscita a conquistare l'intera posta in palio. Coach Monti ha dato spazio a quasi tutta la rosa - anche a Maric, recuperato in extremis - ma spesso la squadra si è dimostrata fallosa e in cerca di affinità. La qualità c'è, serve il tempo per perfezionare l'intesa. E un po’ di fortuna.

Due volte Salgado (6-2 e 9-5) e Rodriguez aumentano il solco (14-7): il divario non cambia, la formazione in campo sì perché Milushev si fa male proprio prima che Rodriguez chiuda il parziale (25-19). L'assenza del bulgaro si fa sentire ed è il martello spagnolo a caricarsi il peso dell'attacco (7 punti). Moretti tiene a distanza i baresi (10-14), dopo il pari di Maric (20-20) chiude l'olandese van Dijk (23-25).

La Mater fugge con Elia (8-6) e Cazzaniga (13-9). Sora torna sotto con l'altissimo (215 cm) van Dijk (17-17), ma il break di Rodriguez (20-18) porta all'errore di Scappaticcio (25-21). Un più che dubbio tocco fa irritare i gialloblù che sbagliano con Salgado (11-13 e 13-17). Cazzaniga centra la parità (21-21): nel turno in battuta di Libraro l'opposto ospite coglie il tie-break (21-25) dove Sora spaventa Castellana (7-8). Cazzaniga recupera (10-8) e scappa (12-8): chiude il muro di Salgado (15-11).

Gianluca Cascione

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione