Cerca

Calcio - Targa per il fair play di Giacomazzi

Una «Targa d'argento» sarà consegnata al giocatore del Lecce dal Panathlon Club in occasione della gara Lecce-Fiorentina del 12 marzo prossimo • Niente di nuovo nei campi di calcio
LECCE - Una speciale «Targa d'argento - Fair play» sarà consegnata al giocatore giallorosso Guglielmo Giacomazzi dal Panathlon Club di Lecce in occasione della partita Lecce-Fiorentina in programma nello stadio salentino il 12 marzo prossimo. La targa, intitolata a Mario Stasi (fondatore del Panathlon Club Lecce), sarà consegnata per esprimere il grande apprezzamento nei confronti del calciatore, per il gesto di lealtà sportiva ed onestà umana compiuto ieri, nel corso della partita Lecce-Messina, quando, pur avendo l'arbitro assegnato un rigore alla sua squadra per il suo atterramento in area, ha riconosciuto di non essere stato spinto ma di essere caduto da solo.
Il Panathlon Club Lecce - si annuncia - offrirà un segnale del proprio apprezzamento anche alla società sportiva del Lecce «per aver creato, con un gestione societaria improntata al rispetto delle regole e dei valori umani e sportivi, le condizioni ideali per comportamenti così ammirevoli dei suoi calciatori». Secondo il presidente del Panathlon club Lecce, Ludovico Malorgio, il comportamento di Giacomazzi «per il suo alto valore etico è un esempio da indicare a tutti coloro che praticano lo sport e soprattutto alle nuove generazioni». «Rarissimamente, sui campi di calcio, nelle palestre ed in tutti luoghi che ospitano competizioni sportive - sottolinea Malorgio - si è assistito ad uno «spettacolo» come quello offerto dal centrocampista uruguaiano. Giacomazzi, splendida eccezione, domenica scorsa, ha segnato il più bel gol della sua carriera. Lo ha segnato agli interessi sfrenati del calcio, alla voglia di risultato a tutti i costi, al malinteso senso dello sport».
Malorgio ricorda che il Panathlon opera a livello internazionale per promuovere i valori più autentici dello sport e per la diffusione del fair play ed annualmente assegna un premio agli sportivi che si sono distinti per il gesto, la promozione e la carriera nello sport.

«Credo che il cartellino giallo non sia coerente con l'offerta di stringere la mano». Il presidente della Figc, Franco Carraro commenta come uno spettacolo raro l'episodio che ha visto ieri protagonista Giacomazzi: il giocatore del Lecce ha ammesso di essere caduto da solo in area e ha fatto fare marcia indietro all'arbitro Rizzoli che aveva concesso il rigore ai salentini. «Se quello dell'arbitro fosse stato un errore - ha aggiunto Carraro, commentando l'ammonizione a Giacomazzi dopo il dietrofront e la mano tesa per una stretta da parte di Rizzoli - sarebbe giustificato dal fatto che è talmente raro trovarsi di fronte a un esempio di tale generosità...».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400