Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 02:58

Pallamano - Coppa Italia al Secchia

La squadra meno accreditata alla vigilia dopo aver eliminato il Conversano in semifinale ha battuto Trieste (27-22) nella finalissima. In A2 maschile, doppio hurrà per Fasano e Noci • A1 femminile: Conversano, dura sconfitta a Sassari
Il Gammadue Secchia, squadra meno accreditata alla vigilia, si è aggiudicata la Coppa Italia maschile 2004 -2005. Nella final four di Merano, la compagine emiliana ha superato Trieste al termine di una bellissima finale. Dopo aver sconfitto in semifinale un Conversano largamente rimaneggiato, il Secchia si è imposto per 27 a 22 ad un Trieste invece al gran completo dopo aver chiuso in vantaggio la prima frazione per 13 a 10. Le due squadre, reduci da due semifinali altamente spettacolari, si sono date battaglia dal primo minuto di gioco. Rubiera ha dato prova di grande solidità di squadra ed ottime soluzioni d'attacco. Trieste, pur disputando un'ottima prova che ha confermato ancora una volta il grande valore della compagine giuliana, si è dovuta alla fine arrendere agli avversari. A referto per il Secchia Rudic e Ruozzi con 7 reti a testa, Morelli 4, Babic 5, Popovic 2, Romani e Tesic 1. Per Trieste Novokmet 7, Skattar 5, Anusic 3, Visintin 4, Opalic 2 e il neo-acquisto Woum (francese) 1. Per gli emiliani, la Coppa Italia è il primo trofeo in assoluto conquistato in 35 anni di storia.
Doppio hurrà per le pugliesi di A-2 maschile di pallamano. Nella settima giornata di ritorno, la Junior Fasano, sempre più lanciata verso la vetta della classifica (ricordiamo che vanno in A-1 le prime tre classificate), ha espugnato il non facile campo laziale del Fondi vincendo con un buon margine di reti: 35-29. Match sempre in discesa per i pugliesi di Francesco Trapani, che sin dalle prime battute, grazie alla vena realizzativa di Lovecchio e Pranijc, scavava un buon solco tra le due squadre. Con questa vittoria, i brindisini continuano a tenersi in scia delle battistrada Ancona, Teramo e Ambra. E contano di agganciare il terzo posto utile per l'A-1 nel match interno da recuperare (il 9 marzo) contro la Lega Coop Teramo del c.t. della nazionale Settimio Massotti. Vittoria mai in discussione quella della Intini Noci sul disperato Nuoro, superato 30-23 senza particolari patemi. Con questi tre punti, i baresi di Pino Fanelli conquistano - a quattro giornate dalla conclusione della stagione regolare - la matematica permanenza in A-2. Anche se, va detto, gli obiettivi di inizio stagione erano ben altri.
Antonio Galizia

FINAL FOUR - I RISULTATI

Semifinali: Merano - Trieste 29-34; Secchia-Conversano 28-33.
Finale: Trieste-Secchia 22-27

A" MASCHILE RISULTATI (7^ DI RITORNO): Fondi-Fasano 29-35; Noci-Nuoro 30-23; G.S. Teramo-San Giorgio a Cremano 24-24; Benevento-L.C.Teramo 24-24; Ambra-Chieti 30-23; Città Sant'Angelo-Ancona 24-33.
CLASSIFICA: Ancona 44; L.C. Teramo**38; Ambra 37; G.S.Teramo 35; Fasano*34; Benevento 33; Noci 27; Città Sant'Angelo 19; Fondi 18; San Giorgio a Cremano 15; Nuoro*11; Chieti 0.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione