Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 01:40

Masiello: chiedo scusa vi prego datemi un'altra possibilità

BARI - «Ho chiesto scusa alla società, ai compagni e ai tifosi. Sono pentito del gesto grave compiuto, ma allo stesso tempo vorrei che l’episodio fosse inquadrato nella giusta dimensione. Non ci sto a passare come il giocatore che lancia i piatti ai compagni, soprattutto perchè anche io ho riportato una ferita alla mano con 12 punti»: Salvatore Masiello, terzino del Bari deferito al Collegio Arbitrale per una possibile risoluzione del contratto con il club pugliese, consapevole della gravità dell’accaduto, ha scelto di presentare la sua versione dei fatti
• In una rissa ha ferito Crescenzi
Masiello: chiedo scusa vi prego datemi un'altra possibilità
BARI – «Ho chiesto scusa alla società, ai compagni e ai tifosi. Sono pentito del gesto grave compiuto, ma allo stesso tempo vorrei che l’episodio fosse inquadrato nella giusta dimensione. Non ci sto a passare come il giocatore che lancia i piatti ai compagni, soprattutto perchè anche io ho riportato una ferita alla mano con 12 punti»: Salvatore Masiello, terzino del Bari deferito al Collegio Arbitrale per una possibile risoluzione del contratto con il club pugliese, consapevole della gravità dell’accaduto, ha scelto di presentare la sua versione dei fatti, mentre il suo avvocato, Enrico Malagnino, sta stendendo la contromemoria per l’imminente procedimento disciplinare. 

«Domenica prima della partita di Coppa con l’Avellino ho fatto uno scherzo banale a Zdenek Zlamal – spiega il ventinovenne mancino – gli ho abbassato il pantaloncino. Il mio compagno non ha reagito tranquillamente. Ho cercato di chiarire, ma mi ha messo le mani addosso. E allora ho avuto una reazione istintiva sbagliata. Gli ho lanciato un piatto, che si è spezzato ed ha tagliato la mano mia e di Alessandro Crescenzi. Subito dopo siamo andati in ospedale insieme. Ho fatto una stupidaggine esagerata». 

Sulla reazione della società che lo ha deferito e si è premurata di acquistare un difensore che gioca nel suo stesso ruolo, Masiello ha poco da recriminare: «Il club già domenica aveva deciso il da farsi. Però – chiede il napoletano – vorrei avere una nuova possibilità. Non credo di meritare una punizione grave come la risoluzione del contratto. Sono disposto a pagare tutte le sanzioni che il Bari mi comminerà. In passato il club pugliese mi negò la possibilità di vedere mia figlia appena nata, non facendomi allontanare dal ritiro, e accettai la decisione senza muovere colpo ferire». 

L'auspicio del campano è di una ricomposizione della querelle: «Ho voglia di rimettermi in gioco – conclude – e di riguadagnarmi la fiducia della società. Non sono stato un bell'esempio per i giovani del gruppo, ma sono umano come tutti. In campo un leone, fuori una persona che commette errori come tutti. Spero che il Bari mi perdoni e mi dia l’occasione per potermi riscattare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione