Cerca

Bari-calcio, quasi rissa in ritiro: rescissione  per il difensore Masiello "Ha ferito Crescenzi" Il giocatore fuori rosa

BARI – Finisce male la storia tra il Bari e Salvatore Masiello. Il trentenne difensore napoletano, appena rientrato in campo dopo nove mesi di sosta ai box per un serio infortunio, si è cacciato nei guai. Domenica scorsa, in ritiro prima del match di coppa con l’Avellino, sarebbe stato protagonista di un gravissimo episodio. Uno scherzo di cattivo gusto, evidentemente non gradito dalla vittima designata: il dodicesimo del Bari, Zlamal, che ha provocato il ferimento ad un braccio di Crescenzi con il lancio di un piatto.
Bari-calcio, quasi rissa in ritiro: rescissione  per il difensore Masiello "Ha ferito Crescenzi" Il giocatore fuori rosa
BARI - Per un alterco tra il giocatore napoletano Salvatore Masiello e il portiere Zlamal che ha prodotto il ferimento di un altro compagno di squadra, Alessandro Crescenzi, a qualche ora dalla partita di Coppa Italia del 21 agosto, il Bari intende ricorrere al Collegio arbitrale per ottenere la rescissione del contratto con il mancino. Per ora il Bari lo ha già sostituito con l’ingaggio del terzino sinistro Agostino Garofoli dal Siena, esperto laterale, già presentato oggi al San Nicola. 

La lite tra Masiello e Zlamal è avvenuta quando i giocatori erano tutti insieme a pranzo: presto la discussione è degenerata e Masiello ha lanciato un piatto che ha ferito al braccio destro un altro compagno di squadra, Alessandro Crescenzi: questi ha rimediato 40 punti di sutura e la conseguente indisponibilità per la partita di Coppa Italia, per l'esordio di campionato e per la prossima partita con la nazionale under 21. 

Masiello, dopo la preparazione precampionato, era stato indicato dal tecnico Vincenzo Torrente come uno dei pilastri su cui costruire il progetto tattico del nuovo Bari. Nella gara con l'Avellino, forse anche in conseguenza di quanto era successo poco prima, ebbe un battibecco con l’attaccante Alessandro Marotta su chi dovesse tirare il calcio di rigore (poi sbagliato dal difensore). Anche nel 2009 era stato messo fuori rosa dal tecnico del tempo, Antonio Conte, in seguito a sue intemperanze: l'episodio scatenante fu una espulsione per fallo di reazione nella gara del 10 gennaio contro la Salernitana al San Nicola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400