Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 09:46

«Capitan Cassano» guida l'Italia che vince la Spagna

BARI – Italia batte Spagna 2-1, in una partita amichevole giocata stasera allo stadio San Nicola di Bari. Una Nazionale bella e concreta, pronta a soffrire, ma mai rinunciataria, batte la Spagna nel test di Bari grazie alle reti di Montolivo (11') e Aquilani (84') che rendono inutile il rigore trasformato da Xabi Alonso per il momentaneo 1-1 iberico
• Fantantonio: io non muoio mai
• Cassano, lo stadio barese è tutto uno striscione
• La Spagna mastica amaro
«Capitan Cassano» guida l'Italia che vince la Spagna
ITALIA (4-3-1-2): Buffon; Maggio, Ranocchia (31' st Ranocchia), Chiellini, Criscito; De Rossi (20' st Aquilani), Pirlo, Thiago Motta (1' st Marchisio); Montolivo (30' st Nocerino); Cassano (14' st Balotelli), Rossi (14' st Pazzini).  In panchina: Sirigu, De Sanctis, Cassani, Balzaretti, Ogbonna, Palombo, Giovinco.  Allenatore: Prandelli.  

SPAGNA (4-2-3-1): Casillas; Iraola (1' st Thiago Alcantara), Albiol, Piquè (46' pt Busquets), Arbeloa; Xabi Alonso, Martinez; Silva, Iniesta (1' st Villa), Cazorla (35' st Mata); Torres (15' pt Llorente).  In panchina: Valdes, Reina, Monreal, Pedro, Negredo.  Allenatore: Del Bosque.  

ARBITRO: Brych (Ger) 
RETI: 11' pt Montolivo, 37' pt Xabi Alonso (rig), 39' st Aquilani 
NOTE: Serata ventosa, terreno in buone condizioni. Spettatori: 50.000 circa. Prima della partita osservato un minuto di raccoglimento in memoria di Andrea Pazzagli, ex portiere di Perugia, Ascoli, Milan, Roma e Bologna e poi preparatore dei portieri delle Nazionali giovanili azzurre. Ammoniti: Arbeloa, Chiellini. Angoli: 8-3. Recupero: 2'; 3'. 

------------------------------------------------
L'Italia batte i campioni del mondo e anche se era soltanto un’amichevole, è una vittoria che conta. Una Nazionale bella e concreta, pronta a soffrire, ma mai rinunciataria, batte la Spagna nel test di Bari grazie alle reti di Montolivo (11') e Aquilani (84') che rendono inutile il rigore trasformato da Xabi Alonso per il momentaneo 1-1 iberico. Nessuna sorpresa nell’11 di Prandelli, anche se c'è la novità Cassano-capitano. Al fianco del barese Rossi con Montolivo vertice alto del rombo di centrocampo, reparto completato da Thiago Motta e De Rossi e da Pirlo che si piazza davanti alla difesa a 4. 

Spagna in campo con il 4-2-3-1, Torres (al 15' ko, Llorente al suo posto) è l’unica punta con Cazorla, Iniesta e Silva trequartisti. Parte bene l’Italia, il San Nicola spinge Cassano e gli azzurri che già al 4', dopo una splendida azione corale, colpiscono il palo con un gran sinistro di Criscito. Gioca bene la squadra azzurra e, all’11, va in vantaggio con Montolivo che, servito da Criscito, supera Casillas con un morbido tocco. La Spagna prova a reagire, ma soffre le ripartenze degli azzurri, pericolosi con Rossi che impegna Casillas al 31'. Al 36', però, l’arbitro assegna generosamente un rigore a Llorente per una lieve trattenuta di Chiellini in area. Sul dischetto, al 37', Xabi Alonso che non sbaglia. 

L’Italia non ci sta, Cassano suona la carica, ma Casillas gli nega il 2-1 al 39'. Nella ripresa tanti cambi, al 14' dentro Balotelli e Pazzini, fuori Cassano (standing ovation per lui) e Rossi. Al 16' Spagna pericolosa con Llorente (bravo Buffon a salvare). Meglio le «furie rosse» nella ripresa, anche perchè Prandelli stravolge la formazione con tante sostituzioni. Xabi Alonso e Villa impegnano Buffon, in mezzo un destro a girare di Balotelli che non trova la porta. Poi ci prova Pirlo su punizione, ma è bravo Valdes a salvare la sua porta. Nulla può, però, al 39' sul tiro di Aquilani deviato da Albiol: è la rete del 2-1. La Spagna va vicina al pari con Villa e Silva, Balotelli nel finale sfiora il 3-1, ma vince l’Italia e va bene così.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione