Mercoledì 15 Agosto 2018 | 17:10

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Basket - Taranto facile sul Bolzano

Nella 4ª giornata di ritorno del torneo di serie A/1 femminile, il quintetto di Nino Molino è tornato alla vittoria contro la pericolante Profexional. Risultato mai in discussione per le rossoblu che hanno rispettato in pieno il pronostico: 75-43 il punteggio
PASTA AMBRA TARANTO-PROFEXIONAL BOLZANO 75-43 (22-7, 37-17, 56-35)

PASTA AMBRA TARANTO - Edwards 20, Boaria, Conversano 2, Tassara 12, Franchetti 2, Costalunga 12, Hall 25, Zanon ne, Bonafede 2, Beljanskj (coach Molino);
PROFEXIONAL BOLZANO - Buzzanca 11, Mazzali 4, Capin 6, Bertan 5, Rios 4, Libicova 6, Zucchelli 5, Bazzan 1, Stanzani, Zambarda 1 (coach Pasini).
ARBITRI: Caiazza di Napoli e Beneduce di Caserta.

TARANTO - Tutto facile per Pasta Ambra Taranto nella 4ª giornata di ritorno del torneo di serie A/1. Il quintetto di Nino Molino è tornato alla vittoria contro la pericolante Profexional Bolzano. Risultato mai in discussione per le rossoblu che hanno rispettato in pieno il pronostico. 75-43 il punteggio finale. Top-scorer del match la statunitense Vicky Hall, autrice di 25 punti. Non è stata però da meno la Edwards. Per la giamaicana 20 punti.
La partita. Dopo pochi secondi esce subito dal campo la Belianski: uno scontro di gioco con la Stanzani costringe l'ultima arrivata in casa rossoblu ad uscire dal campo (al suo posto la Tassara). Nei primi tre minuti equilibrio tra le parti. Al 5' le joniche acquistano un buon margine di vantaggio (10-2). A fare la gara è la Pasta Ambra; il Bolzano osserva. Hall e Edwards dominano sotto i tabelloni. Al 6' le rossoblu sono sul 12-2, all'8' sul 18-4. La prima frazione si chiude sul 22-7, dopo due tiri liberi della Edwards.
Nel secondo tempo tutto secondo copione. Le crassine si muovono bene dai primi minuti (26-7) schiacciando le avversarie nella loro metà campo. Nel 4' però la formazione di Pasini riduce le distanze (28-13) grazie a due palle perse delle rossoblu. Ma è solo un episodio, perchè una "bomba" della Hall fissa il punteggio su 37-17 all'8'. Le tarantine vanno all'intervallo sul 39-20. In doppia cifra finiscono le solite Edwards (14) e Hall (11).
All'inizio del quarto tempo Pasta Ambra ha la possibilità di allungare ancora di più, ma Franchetti e compagne sbagliano più del dovuto. Bolzano, trascinata da Capin e Buzzanca, ne approfitta per accorciare le distanze (-14). La partita però è sempre nelle mani delle joniche che negli ultimi 120 secondi vanno ripetutamente a canestro, portandosi sul 56-35 (+21).
Quarto tempo come i precedenti: rossoblu sugli scudi. Pasta Ambra è un ciclone: è lo show Hall, Edwards e Costalunga. Si superano i trenta punti di vantaggio sul Bolzano. A 4' dal termine Molino fa anche anche entrare le baby Bonafede e Conversano per far riposare Edwards e Costalunga. Finisce con la Pasta Ambra che controlla in modo agevole la situazione, senza correre rischi. Con il Bolzano ormai con la testa già negli spogliatoi.

Risultati e classifica della 4ª giornata di ritorno del campionato di serie A1 femminile di basket

Banco Sicilia Ribera-Terra Sarda Alghero 74-65
Copra Alessandria-Meverin Parma 72-82
Famila Schio-CariChieti 72-54
HS Penta Faenza-Pool Comense 67-57
Pasta Ambra Taranto-Profexional Bolzano 75-43
Phard Napoli-Coconuda Maddaloni 81-60
Termocarispe La Spezia-Rovereto Basket 81-80
Umana Venezia-Acer Priolo 75-63

Classifica: Phard Napoli punti 34; Famila Schio 32; HS Penta Faenza 30; Umana Venezia e Meverin Parma 28; Pool Comense 26; Pasta Ambra Taranto 20; Termocarispe La Spezia e Acer Priolo 18; Rovereto e Banco Sicilia Ribera 16; Coconuda Maddaloni 14; CariChieti 12; Terra Sarda Alghero 8; Copra Alessandria e Profexional Bolzano 2.

La prossima (20 febbraio 2005): Meverin Parma-Rovereto Basket; Polisportiva Ares Ribera-TermoCarispe La Spezia; Acer Priolo-H.S. Penta Faenza; Profexional Bolzano-Copra Alessandria; Pool Comense-Phard Napoli; Terra Sarda Alghero-Famila Schio; CariChieti-Coconuda Maddaloni; Pasta Ambra Taranto-Umana Venezia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Foggia da lavori in corsoNeamber al rush finale

Foggia da lavori in corso
Neamber al rush finale

 
Lecce cerca i tasselli giustiBovo certezza per la difesa

Lecce cerca i tasselli giusti
Bovo certezza per la difesa

 
Giancaspro, si torna in aulaQuel crac pieno di manovre

Giancaspro, si torna in aula
Quel crac pieno di manovre

 
Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS