Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 14:07

Ostuni con il Brindisi entrambe in Legadue

di FRANCO CASTELLANO
BRINDISI - La Federazione di basket comunicherà ufficialmente la definitiva ammissione dell’Assi Ostuni alla Legadue entro sabato. Compilazione del calendario subito dopo. Enel Brindisi-Assi Ostuni accoppiata pugliese nel secondo campionato nazionale, con unico parquet di gioco: pala Pentassuglia di Brindisi, causa la ridotta capienza del palasport ostunese. All’Enel di coach Piero Bucchi manca solo la tanto attesa guardia statunitense per completare il roster
Ostuni con il Brindisi entrambe in Legadue
di FRANCO CASTELLANO

La Federazione di basket comunicherà ufficialmente la definitiva ammissione dell’Assi Ostuni alla Legadue entro sabato. Compilazione del calendario subito dopo. Enel Brindisi-Assi Ostuni accoppiata pugliese nel secondo campionato nazionale, con unico parquet di gioco: pala Pentassuglia di Brindisi, causa la ridotta capienza del palasport ostunese.

All’Enel di coach Piero Bucchi manca solo la tanto attesa guardia statunitense per completare il roster basato su Klaudio Ndoja, Alexander Simoncelli, Mitchell Poletti, Craig Callahan, Alex Renfroe, Dejan Borovnjak, Andrea Zerini, Maurizio Borzillo, Matteo Formenti, Matteo Maestrello. All’Assi di coach Franco Marcelletti manca tutto. Ritardo dovuto al ripescaggio. Da oggi il nuovo tecnico, insieme al direttore sportivo Enrico Marseglia, avvierà la «costruzione» della compagine ostunese, per una prima da eccellenti risvolti. Tra i tanti cestisti da valutare spicca Vujadin Subotic, guardia montenegrina della Stella Rossa Belgrado.

Ricca di gioventù e innovazioni la Divisione Nazionale A (Dna), ex A dilettanti. Pare che Orlandina possa fare il salto e salire in Legadue, e nella Dna finirebbe Rieti. A questo punto la Division C delle «nostre» vedrebbe: Olimpia Matera Rieti o Orlandina, Napoli, Ferentino, Anagni e Latina. L’altro girone è invece questo, Cestistica San Severo, Ruvo, Cus Bari, Fabriano, Chieti, Recanati.

Sono 34 le giornate che daranno vita alla stagione regolare, con classifica, sempre e comunque, basata sulla division. L’Adriatica Industriale Ruvo ha quasi definito il roster messo a disposizione di Giulio Cadeo con Gianluca Tommasiello, Frederik Emejuru, Gianluca Valesin, Davide Bonacini, Daniele Merletto, Gints Antrops, Christian Villani, Marco Tagliabue. Trattativa in corso per il giovane Simone Zanotti. Il potentino Dino Viggiano, direttore sportivo del Matera, insieme al tecnico Francesco Ponticiello, ha confezionato la rappresentativa dei Sassi avvalendosi di Sebastian Vico, Andrea Lagioia, Cristiano Grappasonni, Raffaele Martone, Gianni Cantagalli, Luca Tardito, Andrea Pilotti, Francesco Centrone, Pierluigi Aprea.

A livello di acquisti a buon punto il San Severo del nuovo direttore sportivo Donato Di Monte che si avvale dell’allenatore potentino Antonio Paternoster. Inseriti nel roster Fulvio Candido, Ivan Scarponi, Simone Salamina; probabili gli acquisti di Fabio Lovatti e Riccardo Marzoli, con la dirigenza in opera per assicurarsi un’ala pivot di buon livello.

Altra dirigenza al lavoro è quella del Cus Bari. Staff tecnico definito con Giovanni Putignano, Roberto Valenzano, Vito Console, già tesserati Stevan Lazovic, Domenico Barozzi, Luca Ciocca. Il direttore sportivo Donato Ravelli, dietro richiesta di coach Putignano, ha previsto l’arrivo a Bari di cestisti di buona valenza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione