Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 03:23

Calcio scommesse Bellavista 9 ore dai giudici Figc

BARI - E' durata nove ore l’audizione da parte della procura federale, di Antonio Bellavista, l'ex capitano del Bari, che è stato sentito nella sua casa a Bitonto dove è agli arresti domiciliari. «Non posso dire nulla. Abbiamo ritenuto di aver chiarito ogni cosa», ha detto l’avvocato Massimo Roberto Chiusolo che a breve presenterà al gip Salvini l'istanza di revoca degli arresti domiciliari. Bellavista è il solo rimasto agli arresti domiciliari tra i coinvolti nell'inchiesta della Procura di Cremona sul Calcioscommesse
Calcio scommesse Bellavista 9 ore dai giudici Figc
BARI – E' durato nove ore l’interrogatorio dell’ex capitano del Bari Antonio Bellavista, coinvolto nello scandalo sul calcioscommesse sul quale indaga la Procura di Cremona. L’interrogatorio odierno, però, contrariamente a quanto si era appreso in un primo momento, non si inserisce nell’inchiesta penale, bensì in quella parallela avviata dalla Procura della Figc. È la giustizia sportiva che ora vuole vederci chiaro in un’indagine che potrebbe portare a provvedimenti disciplinari fino alla radiazione del giocatore. 

Bellavista, arrestato su ordine del Gip presso il Tribunale di Cremona Guido Salvini per lo scandalo del calcioscommesse e da alcune settimane ai domiciliari,è stato interrogato a Bitonto per rogatoria. L'ex capitano del Bari è assistito dal suo avvocato di fiducia, Massimo Roberto Chiusolo. 
Due procuratori della Federcalcio, Monaco e Milani, hanno chiesto a Bellavista chiarimenti su tutti gli episodi contestati nell’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla magistratura cremonese.

Intanto il legale dell’ex capitano del Bari, l'avvocato Massimo Roberto Chiusolo, ha presentato al gip del Tribunale di Cremona, Guido Salvini, una nuova istanza di revoca della misura cautelare. Bellavista, infatti, dopo due settimane di carcere, dal 16 giugno scorso è agli arresti domiciliari nella sua casa di Bitonto, dove oggi si è svolto l'interrogatorio. Nell’istanza, la difesa di Bellavista sottolinea come siano cessate tutte le esigenze cautelari, dal pericolo di fuga all’inquinamento probatorio, essendo gli interrogatori e le intercettazioni ormai conclusi, fino a quello di reiterazione del reato per via del clamore mediatico che la vicenda ha suscitato. «Ci auguriamo – ha commentato a margine dell’interrogatorio l’avvocato Chiusolo – che questi ulteriori chiarimenti servano ad accertare la completa estraneità di Bellavista alle vicende contestate».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione