Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 20:24

Il Lecce all’incasso Rosati è del Napoli

di MASSIMO BARBANO
LECCE - Un’entrata provvidenziale perchè giunta nell’ultimo giorno utile per inserire la plusvalenza nel bilancio che si è chiuso per l’appunto, ieri. Con l’introito di Rosati, che va ad aggiungersi a quello di Munari (390mila euro dal Palermo) e del controriscatto di Bertolacci (750mila euro dalla Roma), il Lecce chiude questa prima fase del mercato con un attivo di circa tre milioni (dai quattro di ricavi va tolto un milione e 50mila euro speso per il riscatto di Cacia)
Il Lecce all’incasso Rosati è del Napoli
di Massimo Barbano

LECCE - Il Lecce va all’incasso. Il primo colpo grosso della stagione è stato messo a segno.

Sciolte le ultime riserve, legate più che altro agli aspetti contrattuali dell’atleta, Rosati è stato ceduto a titolo definitivo al Napoli. Nelle casse societarie del Lecce entrano due milioni e 900mila euro.

Un’entrata provvidenziale perchè giunta nell’ultimo giorno utile per inserire la plusvalenza nel bilancio che si è chiuso per l’appunto, ieri.

Con l’introito di Rosati, che va ad aggiungersi a quello di Munari (390mila euro dal Palermo) e del controriscatto di Bertolacci (750mila euro dalla Roma), il Lecce chiude questa prima fase del mercato con un attivo di circa tre milioni (dai quattro di ricavi va tolto un milione e 50mila euro speso per il riscatto di Cacia).

Un introito che consente di chiudere il bilancio in lieve attivo, ma ora altre due operazioni di entrata attendono il direttore sportivo Carlo Osti che dovrà tirare fuori altri 5-6 milioni dalle cessioni di Cacia e Mesbah.

Per Mesbah la quotazione di partenza è di due milioni, ma, trattandosi di un giocatore in scadenza, si potrebbe chiudere anche per un milione e 800mila o qualcosa in meno.

Tuttavia, l’operazione non sarà facile. Un primo tavolo di trattativa è stato sospeso ieri con un nulla di fatto.

Ma con il Parma che offre il centrocampista Coppola e il difensore centrale Paci ci si siederà di nuovo al tavolo. Il diesse del Lecce non esclude di accettare qualche contropartita tecnica, anche perchè bisognerà, in un modo o nell’altro fare la squadra e se gli acquisti verranno come corrispettivi delle cessioni, va bene lo stesso. Ma l’ingaggio di Paci è al di fuori dei parametri del Lecce.

Per Cacia, si parte da una base di quattro milioni per l’intero cartellino e l’orientamento è quello di una cessione definitiva e non di una comproprietà, vista anche l’intenzione del giocatore di non voler restare nel Lecce. Sull’attaccante appena riscattato dal Piacenza c’è la Sampdoria dalla quale potrebbero arrivare i centrocampisti Padalino e Soriano come contropartite.

Intanto, un altro «acquisto» può considerarsi quello di Donati. L’agente del giovane terzino destro ha confermato l’intenzione dell’Inter di lasciare per il secondo anno che il giocatore completi il suo percorso formativo in Salento.

La prossima settimana sarà la volta di Chevanton e Giuliatto con i quali di tratterà l’eventuale rinnovo, ma le possibilità che vestano ancora la maglia del Lecce allo stato attuale delle cose sembrano ridotte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione