Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 15:04

Barreto se ne va Bari, idea Forestieri

BARI – Lo ha ufficializzato il ds dell’Udinese Fabrizio Larini: «Barreto è stato riscattato dal Bari. Al Cagliari per Lazzari? È possibile». L'attaccante brasiliano, che con i suoi gol ha fatto gioire i tifosi biancorossi per due anni per poi farli impazzire a causa di continui infortuni nell'anno dell'amara retrocessione, è ormai il passato. Il futuro potrebbe essere Forestieri, lo scorsa stagione ad Empoli: arriverebbe in prestito, oltre ai 3 milioni incassati dal Bari e pagati dal club del patron Pozzo
Barreto se ne va Bari, idea Forestieri
BARI – Lo ha ufficializzato il ds dell’Udinese Fabrizio Larini: «Barreto è stato riscattato dal Bari. Al Cagliari per Lazzari? È possibile». L'attaccante brasiliano, che con i suoi gol ha fatto gioire i tifosi biancorossi per due anni per poi farli impazzire a causa di continui infortuni nell'anno dell'amara retrocessione, è ormai il passato. Il futuro è probabilmente Forestieri, lo scorsa stagione ad Empoli, che potrebbe arrivare in prestito, in aggiunta ai 3 milioni incassati dal Bari e pagati dal club del patron Pozzo. C'è però da aspettare qualche giorno, visto che il ragazzo è in comproprietà con il Genoa. La giovane punta, interpellata, ha dato il suo assenso. Il giocatore fa parte di una lista presentata dal nuovo tecnico Torrente, che lo ha avuto con sé quando era al Genoa. Definito anche il riscatto di Almiron, che tornerà alla Juventus. Nessuna contropartita per il club pugliese che però risparmia circa 5 milioni di ingaggio. L'argentino aveva un contratto per altri due anni.

“Abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi stabiliti dalla società”: è soddisfatto il direttore sportivo del Bari, Guido Angelozzi, per aver risolto la querelle delle comproprietà di ben otto giocatori. 

“Era importante – sottolinea il responsabile del mercato dei pugliesi – alleggerire il monte ingaggi. E cedendo Almiron e Barreto abbiamo compiuto un grande passo in avanti in questa direzione”. Dalle operazioni concluse con il Siena (ceduti ai toscani Carobbio, Kamata e Belmonte), il Bari ha incassato un milione e quattrocentomila euro, oltre all’intero cartellino dell’attaccante Ghezzal (che sarà messo sul mercato). 

Dall’Udinese arrivano tre milioni per la metà del cartellino di Barreto mentre Salvatore Masiello diventa tutto del Bari. Infine con la cessione di Almiron alla Juve, senza ricevere un corrispettivo, il club amministrato da Claudio Garzelli potrà risparmiare il lauto ingaggio dell’argentino. Dal Grosseto, infine, sono arrivati 300 mila euro per la metà del mediano Crimi. 

Con oltre quattro milioni incassati e tanti pezzi pregiati da vendere ancora – da Gillet ad Andrea Masiello, da Gazzi ad Huseklepp – la società, dopo le recenti difficoltà economiche, potrebbe avere risorse abbondanti per esaudire i desideri del nuovo tecnico Vincenzo Torrente, allestendo un organico competitivo per la B.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione