Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 19:08

A Foggia «taglio netto con il passato ma per vincere»

FOGGIA - L’ideologo del nuovo corso è sempre lui, Peppino Pavone. E la sensazione, almeno la sensazione, è che c’è la possibilità di tracciare nuove orme da seguire. Come ai bei tempi. Ma serve tempo. Lo dice lo stesso direttore sportivo legato al Foggia da qualcosa di più di un semplice rapporto professionale. «Vedete, quando ho deciso di puntare su Bonacina, ovviamente insieme alla società, non ho soltanto scelto un allenatore. Ho pensato che bisognava chiudere col passato»
A Foggia «taglio netto con il passato ma per vincere»
FOGGIA - L’ideologo del nuovo corso è sempre lui, Peppino Pavone. E la sensazione, almeno la sensazione, è che c’è la possibilità di tracciare nuove orme da seguire. Come ai bei tempi. Ma serve tempo. Lo dice lo stesso direttore sportivo legato al Foggia da qualcosa di più di un semplice rapporto professionale.

«Vedete, quando ho deciso di puntare su Bonacina, ovviamente insieme alla società, non ho soltanto scelto un allenatore. Ho pensato che bisognava chiudere col passato, dare un taglio netto e per questo abbiamo optato per un allenatore serio, determinato, cresciuto in uno dei settori giovanili migliori d´Italia ed abituato a lavorare con giovani di valore e molto interessanti, quali saranno quelli che arriveranno qui», spiega il direttore sportivo che torna anche sulla questione degli ex giocatori che andranno via da Foggia: «Dopo la fine del campionato, parlando con dirigenti e procuratori, abbiamo verificato che l´intenzione di alcuni nostri calciatori dello scorso anno come Kone, Burrai e Sau è quella di giocarsi le loro chances in cadetteria, anche se per i due del Cagliari molto probabilmente si andrà alle buste perché sono in compartecipazione col club sardo. Allo stesso tempo, però, sono felice che gente come Perpetuini e Tomi rimarrà con noi, per dimostrare il loro valore ed accogliere le nuove leve».

Al nuovo allenatore del Foggia, infatti, la società affiderà un gruppo di giovani con qualche innesto di esperienza. Del gruppo della scorsa stagione resteranno solo il terzino Tomi ed il fantasista Perpetuini. Via tutti gli altri, anche nel caso di un riscatto alle buste con il Cagliari per Sau e Burrai che hanno richieste da società di categoria superiore. La squadra è in costruzione: dall’Atalanta arriveranno certamente tre elementi giovani e di qualità come il centrocampista Minotti, il difensore centrale De Leidi ed il jolly difensivo Molina. A buon punto la trattativa con il Milan per il passaggio in rossonero del terzino De Vito. Tra i giocatori di esperienza già acquisiti spicca il portiere Ginestra, lo scorso anno alla Paganese (verrà ufficializzato il 1 luglio), un elemento di sicuro affidamento. Tra le altre trattative a buon punto, ci sono quelle con il Val di Sangro per il portiere Santandrea, con il Grosseto per l’attaccante Defenti, con il Palermop per il centrocampista Cristofari, con il Foligno per il difensore Giovannini.

F.Sant

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione