Cerca

Torrente si presenta «Bari da ricostruire»

BARI - Il nuovo tecnico dei biancorossi: «Ho accettato questa piazza con entusiasmo. E la mia priorità sarà ridare entusiasmo alla tifoseria». Quarantacinquenne, reduce da due promozioni di fila dalla Seconda Divisione alla serie B con il Gubbio, è alla ricerca del magico tris, e per questo non si è lasciato andare a dichiarazioni faraoniche o proclami, ma ha improntato le sue dichiarazioni d’intenti a una estrema concretezza
Torrente si presenta «Bari da ricostruire»
BARI  – “C'è da ricostruire. Ho accettato questa piazza con entusiasmo. E la mia priorità sarà ridare entusiasmo alla tifoseria”: Vincenzo Torrente, neoallenatore del Bari, si è presentato così nell’incontro con i giornalisti al San Nicola. Quarantacinquenne, reduce da due promozioni di fila dalla Seconda Divisione alla serie B con il Gubbio, è alla ricerca del magico tris, e per questo non si è lasciato andare a dichiarazioni faraoniche o proclami, ma ha improntato le sue dichiarazioni d’intenti a una estrema concretezza.

“Le qualità della mia squadra? Saranno cervello, gambe - aggiunge l’allenatore campano – e 'attributì... Sul piano del modulo, invece, vorrei giocare con il 4-3-3, e la fase difensiva sarà essenziale, punto all’equilibrio tra i reparti grazie ad esterni che siano in grado di attaccare e coprire allo stesso modo. L’organico sarà un mix di giovani di qualità ed esperienza. Chi verrà ad allenarsi con noi dovrà essere orgoglioso della maglia”. 

Per la prima volta dopo molti anni il neotecnico dei pugliesi non è stato presentato dal patron Vincenzo Matarrese ma dal neoamministratore unico, Claudio Garzelli, che ha parlato di “anno zero per il club”, soprattutto per la necessità di superare le difficoltà economiche; e ha specificato che “Torrente è il prototipo di allenatore che fa al caso nostro”. Torrente ha già concordato la strategia di mercato con il ds Guido Angelozzi, campagna di rafforzamento che si baserà sugli introiti delle cessioni dei pezzi pregiati (nessuno è considerato incedibile): “Gillet andrà via (il Bologna è in pole, ndr) e per sostituirlo – puntualizza l’ex timoniere del Gubbio – ho richiesto Lamanna del Gubbio; degli umbri ci interessa anche il difensore Borghese e la punta Gomez, autore di ben 18 gol”. Infine il campano ha spiegato le motivazioni con cui ha accettato di firmare il contratto per un anno: “Come si fa a dire di no al Bari? Il contesto è difficile, ma sono convinto che se faremo bene, sarà un bel trampolino per la mia carriera”. 

Dopo l’incontro con i giornalisti, Torrente, Garzelli e Angelozzi si sono intrattenuti una ventina di minuti con i tifosi, ai quali hanno presentato il programma di rinnovamento della società, raccogliendo una prima timida apertura di fiducia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400