Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 03:39

A Bari una domenica tutta «rosso Ferrari»

di NICOLA PEPE
BARI - Tutto pronto in corso Viottorio Emanule e lungo il percorso che si snoda attorno alla città vecchia per la seconda edizione della rievocazione dello storico Gran Premio di Bari, che si svolse dal 1947 al 1956. Una quarantina di auto d’epoca, alcune delle quali di straordinaria rarità e palmarés agonistico, saranno al via della manifestazione, che avverrà intorno alle dieci di questa mattina dal rettilineo davanti a piazza Prefettura
A Bari una domenica tutta «rosso Ferrari»
di NICOLA PEPE

BARI - Chi vuole tuffarsi in un pezzo di storia cittadina rivivendo le emozioni di di 55 anni fa, potrà farlo stamattina conquitando un posto in prima fila sul circuito del Gran Premio di Bari, la rievocazione storica della gara che la città ospitò tra il 1947 e il 1956 disseppellita dopo decenni dall’Old Cars Club di Bari in collaborazione con l’Automobil Club cittadino. Ieri mattina, passerella di bolidi tirati a lustro: in prima fila due «Ferrari» degli Anni Cinquanta, due auto portate in corsa da assi del volante come Deportago e Castellotti.

L’edizione di quest’anno - dopo il battesimo dell’anno scorso - vede al via quasi il doppio dei partecipanti, grazie all’eco della prima edizione del 2010 che ha fatto il giro dei collezionisti di queste meraviglie della tecnica, sempre vogliosi di portare a passeggio le loro «veterane». Il vulcanico presidente della Old Cars, Dario Catalano, per tutta la giornata di ieri è stato al lavoro per limare gli ultimi dettagli che vedranno la città nuovamente in festa: si spera in un bis del successo dello scorso anno quando lungo il percorso si assieparono almeno 15mila persone.

L’appuntamento è alle 9 in corso Vittorio Emanuele da dove partiranno le quattro manches cui parteciperanno una quarantina di auto giunte da ogni parte d’Italia. Un evento diventato attrattore turistico, è stato sottolineato nel corso della conferenza stampa di ieri alla Provincia, nel corso del quale ha partecipato anche la prima donna di Formula 1, Maria Teresa De Filippis, ormai madrina della manifestazione.

Lo start sarà a cura di otto ragazzi della città vecchia che eseguiranno un paio di giri di prova sotto il tutoraggio di alcuni studenti liceali ed universitari a bordo di una «Ford Tourer»: un’iniziativa promossa da don Franco Lanzolla, della Cattedrale, e dal parlamentare del pdl, Francesco Paolo Sisto (sarà «rappresentato» dal figlio). In gara è prevista la partecipazione anche del ministro degli Affari regionali, Raffaele Fitto, del vicepresidente della provincia Nuccio Altieri, del senatore Luigi D’Ambrosio Lettieri. A portare il saluto della città, il sindaco Michele Emiliano

Da ieri mattina, intanto, piazza Libertà è meta di centinaia di curiosi, papà con bambini, intere famiglie: una curiosità cresciuta nel pomeriggio che ha visto molta gente fare capolino alla Banca Apulia dov’era in mostra una «Ferrari» da collezione nonchè una rassegna storica e multimediale sulle varie edizioni del Gran Premio.

L’ambizione è che il Gran Premio diventi un evento per la città, rappresentando una sorta di concorrente per la rassegna gemella di Montecarlo che si tiene ogni due anni (la prossima è nel 2012): per tale ragione, l’idea degli organizzatori è differire la terza edizione al 2013, consentendo così al popolo di aficionados dei bolidi d’epoca di poter prendere parte a entrambe le gare.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione