Cerca

Giovedì 21 Settembre 2017 | 05:14

Lecce, per ricostruire Mesbah e Rosati sacrifici necessari

LECCE - Due uomini-mercato per costruire la squadra del prossimo campionato. Infatti, i presumibili 27-28 milioni di euro che entreranno da diritti televisivi, sponsorizzazione ed incassi, se ne andranno più o meno tutti per pagare il monte ingaggi (l’anno scorso costò al lordo venti milioni) e per le spese correnti (trasferte, approviggionamenti sanzioni e varie) che si stimano intorno ai 5-6 milioni l’anno. Insomma, la vendita dei due pezzi pregiati del Lecce appare a questo punto assolutamente indispensabile
Lecce, per ricostruire Mesbah e Rosati sacrifici necessari
LECCE - Due uomini-mercato per costruire la squadra del prossimo campionato. Conti alla mano, l’autogestione che, con ogni probabilità, scatterà a breve, dovrà puntare sulla vendita di Rosati e di Mesbah per ricavare una somma necessaria ad allestire la squadra.

Infatti, i presumibili 27-28 milioni di euro che entreranno da diritti televisivi, sponsorizzazione ed incassi, se ne andranno più o meno tutti per pagare il monte ingaggi (l’anno scorso costò al lordo venti milioni) e per le spese correnti (trasferte, approviggionamenti sanzioni e varie) che si stimano intorno ai 5-6 milioni l’anno.

Insomma, la vendita dei due pezzi pregiati del Lecce appare a questo punto assolutamente indispensabile. Il resto, lo dovrà fare una oculata campagna acquisti mirata ad accaparrarsi prestiti di qualità ed una flessibilità nei contratti basati soprattutto su incentivi e premi ad obiettivo.

Per quanto riguarda il portiere Rosati, su cui si sono incentrate le attenzioni di Genoa, Lazio ed in particolare del Napoli, la quotazione non può andare al di sotto di 1,5-2 milioni di euro, o di meno, ma con una contropartita tecnica (per esempio il difensore Santacroce).

Analoga la quotazione minima dell’algerino che è nel mirino di Parma, Fiorentina e Malaga.

Bisogna poi considerare che queste entrate devono servire anche alla definizione di alcune comproprietà (Munari col Palermo, Baclet col Vicenza, Cacia con il Piacenza e Esposito con il Genoa) che non è detto si potranno rinnovare senza oneri anche per il prossimo anno.

Poi si dovrà pensare all’eventuale rinnovo dei contratti in scadenza, per i quali sono in bilico Chevanton, Di Michele, Giuliatto e Fabiano. Andando via questi ultimi due, la difesa necessita di adeguati rinforzi.

Ma, prima del calciomercato, la prossima settimana dovrà anche risolvere il rebus di direttore sportivo e allenatore. I nomi sono sempre quelli degli elementi liberi sul mercato. Per quanto riguarda il ds, in testa alle preferenze c’è il nome di Paolo Cristallini che però è ancora legato al Vicenza. In alternativa ci sono Carlo Osti, Sean Sogliano e Gianluca Petrachi.

Ampio ventaglio per gli allenatori: ci sono in giro Massimo Ficcadenti, Beppe Iachini, Walter Zenga, Serse Cosmi, Vincenzo Torrente e Beppe Sannino. Meno probabili Walter Novellino, Elio Gustinetti e Marco Giampaolo.

La prossima settimana si delineerà qualcosa per quanto riguarda la guida tecnica del prossimo anno. 

m. bar.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione