Cerca

Sabato 21 Ottobre 2017 | 17:40

Bari, infermeria piena a Bologna tanti baby

BARI - Il tecnico Mutti, in vista dell’epilogo stagionale a Bologna, dovrà aggrapparsi ai giovani della Primavera per sopperire alle tante assenze per infortunio. Tra i possibili convocati, oltre alla punta Grandolfo, potrebbero esserci anche il difensore Monopoli e l’esterno Gammone. Grandolfo: «Spero di giocare anche a Bologna, sentiamo Mutti che dice... L’allenatore mi tratta come se fossi un figlio»
Bari, infermeria piena a Bologna tanti baby
BARI – Doppia seduta di allenamento oggi per il Bari. Il tecnico Mutti, in vista dell’epilogo stagionale a Bologna, dovrà aggrapparsi ai giovani della Primavera per sopperire alle tante assenze per infortunio. Tra i possibili convocati, oltre alla punta Grandolfo, potrebbero esserci anche il difensore Monopoli e l’esterno Gammone. 

Sono rimasti fermi, e potrebbero essere indisponibili al Dall’Ara, la punta Ghezzal (distorsione alla caviglia sinistra), il regista Almiron (distrazione al polpaccio), il mediano Kopunek (risentimento muscolare), da sommare al forfait di Romero (spalla lussata). hanno svolto lavoro differenziato il difensore Rossi (dolorante al ginocchio sinistro) e l’esterno Rivas (frenato da una tallonite al piede sinistro).

“Spero di giocare anche a Bologna, sentiamo Mutti che dice... L’allenatore mi tratta come se fossi un figlio”: Francesco Grandolfo, giovane bomber della Primavera del Bari, spera di collezionare la terza presenza nella massima serie contro il Bologna, nell’ultima giornata di campionato. Il giocatore, dopo il derby con il Lecce, ha ricevuto molti elogi dal tecnico Mutti: insomma, la rifondazione potrebbe partire dalla valorizzazione del vivaio.  “Mi piace paragonarmi a Gilardino – dice Grandolfo – per i movimenti. Assomiglio a Floccari? L’ha detto Mutti. Il mio punto di forza è il 'gioco semplicè. Non sono un solista, adoro gli scambi e preferisco giocare di squadra. Sono sinistro naturale ma tiro anche di destro”. 

I maestri di Grandolfo? “Devo molto agli insegnamenti di Pietro Maiellaro, tecnico della Primavera, ma anche a Giovanni Loseto e Gianfranco Cannone. Indossare la maglia del Bari al San Nicola è un sogno. Vorrei rimanere qui. Posso far parte di questo gruppo, sarebbe bellissimo fare la serie B. Abbiamo fatto un bel campionato Primavera: ho giocato due derby col Lecce, entrambi pareggiati e ho segnato due gol”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione