Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 13:48

Il sen. Barba interessato ad acquistare il Brindisi?

BRINDISI - Per ora c’è una disponibilità di massima condizionata. È quella dell’ex patron del Gallipoli (promosso in serie B e poi lasciato al suo destino perchè un campionato oneroso), Vincenzo Barba. L’assessore comunale di Brindisi allo Sport Cosimo De Michele rende noto «di aver incontrato , a Roma - si legge in una nota del Comune di Brindisi - il senatore Vincenzo Barba, il quale, nei giorni scorsi, aveva confermato, attraverso alcuni organi di informazione, un suo possibile interessamento alle sorti del calcio brindisino».
Il sen. Barba interessato ad acquistare il Brindisi?
Per ora c’è una disponibilità di massima condizionata. È quella dell’ex patron del Gallipoli (promosso in serie B e poi lasciato al suo destino perchè un campionato oneroso), Vincenzo Barba. L’assessore comunale di Brindisi allo Sport Cosimo De Michele rende noto «di aver incontrato , a Roma - si legge in una nota del Comune di Brindisi - il senatore Vincenzo Barba, il quale, nei giorni scorsi, aveva confermato, attraverso alcuni organi di informazione, un suo possibile interessamento alle sorti del calcio brindisino».

«Nel corso di un incontro cordiale ed estremamente schietto – afferma l’assessore De Michele - il senatore Barba mi ha fornito la sua disponibilità a trattare per avvicinarsi al Football Brindisi 1912. Ha posto, però, due condizioni: intanto, quella di conoscere la reale situazione debitoria del sodalizio calcistico locale e poi quella di essere affiancato da due o tre imprenditori brindisini che possano supportarlo in questa ‘avventura’ che sarebbe ben lieto di intraprendere, anche – ha detto - alla luce dello “spirito” che anima il Grande Salento. Durante il nostro incontro, infatti, il sen. Barba si è detto realmente amareggiato per le mortificazioni che il calcio locale sta vivendo in questa stagione sportiva».

L’assessore De Michele, inoltre, oltre «ad esprimere grande soddisfazione - prosegue la nota di Palazzo di città - per l’esito dell’incontro con il parlamentare salentino, ha accolto con grande piacere la notizia secondo cui gli ex patron del Football Brindisi, i fratelli Barretta, hanno deciso di liberare dal pegno le quote, in modo tale da renderle immediatamente disponibili ad eventuali soggetti interessati a rilevare le sorti del calcio brindisino».

«A tal proposito - afferma De Michele - nei prossimi giorni contatterò anche i Barretta per capire se questa loro volontà è stata o meno ratificata ufficialmente dinanzi al notaio, visto che sono a conoscenza del fatto che i due ex patron l’hanno già comunicata per iscritto al legale del presidente Pupino. Adesso, quindi, è quanto mai necessario stringere i tempi. Un paio di settimane fa ho inviato una lettera ai presidenti di Confindustria, Camera di commercio ed Amministrazione provinciale per chiedere l’apertura di un tavolo istituzionale, finalizzato ad individuare una soluzione per il calcio brindisino. Così come ho scritto anche a tre grosse aziende che operano sul nostro territorio e, cioè, Enel, Edipower e Sfir. Non ho mai ricevuto risposta. È evidente che, dopo l’incontro con il senatore Barba, reitererò nuovamente la mia richiesta».

Stando alle dichiarazioni dell’assessore De Michele la situazione è in movimento. Nei prossimi giorni ci potrebbero essere delle novità. È quanto ovviamente si augurano i tifosi, i quali però attendono fatti concreti. Voci su probabili soluzioni se ne avvertono tutti i giorni, sinora però regolarmente spentesi nell’arco di qualche ora.

l’iniziativaL’assessore comunale De Michele si sta occupando della grave crisi del calcio biancazzurro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione