Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 15:54

Bari-Catania 1-1 «Salvezza sarà dura"

BARI - Il Catania perde l’opportunità di chiudere il discorso salvezza con ampio anticipo, mentre il Bari fallisce la possibilità di alimentare il miracolo: finisce 1-1 al «San Nicola», un punto che sicuramente fa comodo agli etnei, che rimandano ancora una volta l’appuntamento con la vittoria esterna e danno comunque continuità alla roboante vittoria nel derby; serve poco invece ai pugliesi, ormai a un passo dalla retrocessione
Bari-Catania 1-1 «Salvezza sarà dura"
BARI – “La lotta per la salvezza sarà dura. Oggi c'è un pò di rammarico per la vittoria mancata, ma alla fine si metterà al sicuro chi è più tranquillo e lucido mentalmente”: legge così il pari al San Nicola il tecnico del Catania Diego Simeone. Per gli etnei la gara è stata dai due volti:“Nel primo tempo – spiega il tecnico argentino – non abbiamo seguito il canovaccio tattico che avevamo preparato. Insomma, abbiamo fatto male, commettendo tanti errori, e sbagliando troppi passaggi. Poi nella ripresa, soprattutto dopo il quarto d’ora, abbiamo avuto parecchie occasioni per chiudere la partita”. 

Il rendimento degli etnei in trasferta nel campionato non è mai stato brillante e Simeone non se ne assume la responsabilità. “Sono qui – dice – solo da due mesi. Abbiamo sfiorato il successo a Parma, Napoli e Bologna. 

Anche qui ci abbiamo provato. In ogni caso il punto va bene. La prestazione degli attaccanti? Maxi Lopez è stato bravo nell’azione del gol; Bergessio straordinario. Ha mancato la rete del raddoppio ma si è fatto trovare sempre nella posizione giusta”. Sul prosieguo del campionato il tecnico etneo ha poi aggiunto: “Ci aspettano partite impegnative, non abbiamo migliorato la nostra classifica. Siamo a più cinque sul Cesena, ma con una giornata in meno”. 

Amareggiato, invece, il tecnico dei pugliesi Bortolo Mutti. “Meritavamo di vincere, ma gli episodi – dal rimpallo sul gol di Maxi Lopez alla rete annullata a Rivas – non ci hanno aiutato. Eppure – sottolinea – tre punti avrebbero contribuito a dare un senso alla nostra classifica e al prosieguo del campionato”. Il Bari è ormai destinato al pronto ritorno in B, ma Mutti non molla la presa: “Ci danno retrocessi da quindici giornate: noi però – sottolinea – scenderemo in campo sempre per fare risultato. Alcuni giocatori in questa fase stanno pagando la stanchezza e così la squadra appare un pò sfilata. Chi scende in campo deve essere bravo a capitalizzare le occasioni che capitano”. 

Infine, il tecnico si è soffermato sulle due occasioni finali: “Il colpo di testa di Gazzi l’avevo visto in rete. Sarebbe stato – conclude – un finale tutto diverso, come a Parma. Il gol di Rivas? Ghezzal è stato un pò irruento nell’entrata ma il portiere del Catania mi è sembrato avesse già perso il pallone”. 

“Dedico la rete a mia figlia”, è stato invece il commento del suo ritorno al gol del mediano del Bari Alessandro Gazzi (non accadeva da Bari-Modena del 26 aprile 2008).

--------------------

BARI (4-3-2-1): Gillet 7; A.Masiello 5, Rossi 6, Belmonte 5.5, Parisi 6; Bentivoglio 5.5, Almiron 5 (25'st Donati 6), Gazzi 6; E.Alvarez 5.5 (16'st Rivas 6.5), Huseklepp 5.5 (25'st Ghezzal 5); Rudolf 6.5 In panchina: Padelli, Raggi, Glik, Codrea. Allenatore: Mutti 6 
CATANIA (4-3-1-2): Andujar 6; P.Alvarez 6.5, Augustyn 6, Terlizzi 6, Marchese 5.5; Ledesma 5.5, Carboni 5, Lodi 5 (1'st Schelotto 6.5); Ricchiuti 5 (14'st Gomez 7); Bergessio 5 (36'st Capuano sv), Maxi Lopez 6.5 In panchina: Campagnolo, Biagianti, Pesce, Morimoto. Allenatore: Simeone 6 

ARBITRO: Valeri di Roma 6.5 
RETI: 33'pt Gazzi, 44'pt Lopez 
NOTE: pomeriggio caldo e soleggiato, terreno in discrete condizioni. Ammoniti: A.Masiello. Angoli: 6-1 per il Bari. Recupero: 1'; 3'. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione