Cerca

Mercoledì 20 Settembre 2017 | 14:56

Calcio, Mutti (Bari): «Udine e Milan quasi proibitive»

BARI – Il tecnico del Bari Bortolo Mutti spera di ritornare dalla trasferta di Udine con una prestazione in linea con quella di domenica scorsa contro la Fiorentina, e per questo ha preparato uno schema tattico che sulla carta dovrebbe consentire pochi agi a Sanchez e Di Natale. «Per poter sperare ancora – spiega l’allenatore – è importante vivere una realtà settimanale viva, preparare una partita alla volta, e costruire il lavoro settimanale in maniera vincente. Gli ostacoli sono tanti ma dobbiamo inventarci qualcosa»
Calcio, Mutti (Bari): «Udine e Milan quasi proibitive»
BARI – Il tecnico del Bari Bortolo Mutti spera di ritornare dalla trasferta di Udine con una prestazione in linea con quella di domenica scorsa contro la Fiorentina, e per questo ha preparato uno schema tattico che sulla carta dovrebbe consentire pochi agi a Sanchez e Di Natale. 

“Per poter sperare ancora – spiega l’allenatore dei pugliesi in conferenza stampa al San Nicola – è importante vivere una realtà settimanale viva, preparare una partita alla volta, e costruire il lavoro settimanale in maniera vincente. Gli ostacoli sono tanti ma dobbiamo inventarci qualcosa”. 

Il calendario si presenta però in salita: “Ci attendono due trasferte, Udine e con il Milan: due incontri quasi proibitivi - aggiunge – a livello psicologico sarebbe stato più favorevole giocare in casa queste sfide”. Il pari con Gilardino e compagni può essere il punto di partenza per il Bari: “Uno sviluppo c'è stato contro la Fiorentina. Grande ordine mentale nonostante lo svantaggio iniziale. L’attacco deve contribuire di più in fase difensiva. Dobbiamo lavorare in questa ottica”. 

Infine il messaggio di speranza finale: “Rimaniamo con i piedi per terra, è un periodo durissimo ma il lavoro fino alla fine paga. Voglio che i ragazzi siano in grado di posizionarsi e lavorare in modo armonico. Dobbiamo avere il coraggio di metterci la faccia e fare la partita. L’Udinese non dà punti di riferimento. Dobbiamo chiudere gli spazi per non dare campo a Sanchez e Di Natale, giocare corti ed avere reciprocamente un atteggiamento collaborativo. Voglio una partita ordinata ma d’orgoglio”. 

Il Bari potrebbe giocare con il 4-3-2-1: Gillet tra i pali, Andrea Masiello e Parisi terzini, Rossi e Belmonte centrali, a centrocampo Codrea, Donati e Gazzi, Ghezzal e Huseklepp a sostegno dell’unica punta, Okaka.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione