Cerca

Domenica 24 Settembre 2017 | 12:19

Mutti: via zavorra pensiamo positivo

BARI – «Via la zavorra, dobbiamo ritrovare positività ed essere più coraggiosi»: il neotecnico del Bari, Bortolo Mutti, dopo il secondo allenamento alla guida dei pugliesi (dopo le dimissioni di Ventura), tenta già di elaborare una ricetta per rimettere in carreggiata la squadra. Alla vigilia della gara al San Nicola contro il Genoa ha tenuto subito a presentarsi con franchezza
• Verso il ritorno al 4-4-2
Mutti: via zavorra pensiamo positivo
BARI – «Via la zavorra, dobbiamo ritrovare positività ed essere più coraggiosi»: il neotecnico del Bari, Bortolo Mutti, dopo il secondo allenamento alla guida dei pugliesi (dopo le dimissioni di Ventura), tenta già di elaborare una ricetta per rimettere in carreggiata la squadra. Alla vigilia della gara al San Nicola contro il Genoa ha tenuto subito a presentarsi con franchezza: «Sono un bergamasco, uno che parla poco...». Nessuna anticipazione tattica, non ha in mente rivoluzioni. 

«Ci saranno piccole variazioni – spiega – e nessuno stravolgimento. Chiedo solo ai miei giocatori maggiore partecipazione alla manovra, più sostegno agli attaccanti. Poi spero che ci sia voglia di tirare fuori vero carisma». Nelle ultime ore Mutti si è confrontato anche con i veterani del gruppo: «Nello spogliatoio ci deve essere una spina dorsale, una serie di punti di riferimento, uno per reparto che possano dare serenità ai compagni. Sul piano del morale paghiamo la situazione generale. Una vera zavorra. Guardare la classifica rattrista. Ma dobbiamo reagire e prepararci a non cadere». 

Sul piano atletico non si sbilancia, ma allo stesso tempo non è soddisfatto della tenuta generale: «In due giorni si può vedere poco. Sarà importante l’approccio in campo. Di contro non siamo brillanti. E questo dato potrebbe essere determinato dalla tensione e dalle tante sconfitte». 

Sulla formazione non dà alcuna indicazione: «Abbiamo provato qualcosa. Il gruppo ha mostrato massima disponibilità ad adattarsi alle mie indicazioni. Il momento è difficile, ma nessuno vuole mollare». Di sicuro non ci sono rendite di posizione che tengano, gli spazi andranno conquistati. «Ci deve essere una sana competizione per conquistare una maglia titolare, dando il massimo negli allenamenti». Infine un appello alla tifoseria: «Il pubblico di Bari, uno dei più calorosi che ci sia, non deve abbandonare la squadra, ma sostenerla». Tra i punti fermi della nuova gestione dovrebbero esserci, oltre al capitano Gillet, Andrea Masiello e Belmonte in difesa, Donati a centrocampo e il tandem Okaka-Rudolf in attacco.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione