Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 12:08

Cassano torna in Nazionale Prandelli: doveroso

COVERCIANO - “Mi sembrava giusto e doveroso chiamare Cassano. Finora ha dato un buon contributo. In questo periodo, soprattutto ieri, sta pagando il lavoro svolto”. Cesare Prandelli spiega così la decisione di riaprire le porte della Nazionale a Antonio Cassano. Il ct ha convocato l’attaccante del Milan per l’amichevole in programma mercoledì a Dortmund contro la Germania
Cassano torna in Nazionale Prandelli: doveroso
COVERCIANO - “Mi sembrava giusto e doveroso chiamare Cassano. Finora ha dato un buon contributo. In questo periodo, soprattutto ieri, sta pagando il lavoro svolto”. Cesare Prandelli spiega così la decisione di riaprire le porte della Nazionale a Antonio Cassano. Il ct ha convocato l’attaccante del Milan per l’amichevole in programma mercoledì a Dortmund contro la Germania. Il barese rientra nel giro azzurro dopo lo stop legato alla traumatica chiusura del rapporto con la Sampdoria. Il trasferimento al Milan ha aperto una nuova, decisiva fase nella carriera del giocatore. 

“Non gli ho detto nulla di particolare, aveva già parlato lui: sa che ha l’ultima chance”, dice Prandelli riferendosi all’avventura rossonera appena cominciata. 

Il gruppo della Nazionale comprende da oggi anche Thiago Motta. Il centrocampista di origine brasiliana è un nuovo tassello dell’Italia multietnica. La convocazione dell’interista, dice Prandelli, soddisfa ovviamente requisiti tecnici. “In questo momento non abbiamo grandi soluzioni per quanto riguarda gli esterni offensivi. Per questo vogliamo creare un centrocampo che curi l’aspetto tecnico in maniera particolare.L'idea è non dare riferimenti nella costruzione dell’azione. Thiago Motta può giocare anche da interno, sa adattarsi alle situazioni della fase offensiva pur essere un giocatore abile nella costruzione. Ci servono giocatori che abbiano qualità e personalità”, dice Prandelli. 

In difesa, il ct ha osservato con interesse le ultime soluzioni proposte dalla Juventus: Giorgio Chiellini è stato utilizzato sulla fascia sinistra nell’ultimo match giocato dai bianconeri. “Giorgio è nato in quel ruolo, ma sono rimasto comunque piacevolmente sorpreso. Lui può ricoprire due posizioni con buone prestazioni e questo è importante”, dice. In attacco, non c'è Alberto Gilardino. “Ho analizzato bene le relazioni, lo abbiamo seguito - dice Prandelli riferendosi all’esclusione del centravanti viola -. In questo momento, mi sembra che abbia una condizione differente rispetto a quella di altri giocatori”. 

La sfida di mercoledì offrirà indicazioni utili: “La gara con la Germania è sempre affascinante per tanti motivi. Giocherei questa amichevole ogni anno perchè ci si confronta con una grande squadra e si ha il senso del lavoro che si sta svolgendo”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione