Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 22:47

Per la salvezza sarà un Bari 4-3-3 a Brescia

BARI - Il Bari affronterà lo scontro diretto per la salvezza domani a Brescia con l'indisponibilità dell'esterno Rivas (nella foto, ndr). La punta Okaka partirà con i compagni nonostante acciacchi che ne limitano la tenuta fisica. Il tecnico, Giampiero Ventura, dovrà fare a meno anche del trequartista Bentivoglio (squalificato) e degli infortunati Barreto, Salvatore Masiello e Ghezzal (questi ultimi hanno ripreso la preparazione con la squadra negli ultimi due giorni). L'allenatore del Bari: «Il mio credo si fonda su un calcio organizzato, con tempi e movimenti prestabiliti»
Per la salvezza sarà un Bari 4-3-3 a Brescia
BARI – Il tecnico del Bari Ventura a Brescia passa al 4-3-3. Una scelta dovuta alla squalifica di Bentivoglio. Per ovviare all’assenza del trequartista, il tecnico del Bari punterà sull'attaccante norvegese Huseklepp. 

A destra dello schieramento offensivo agirà l’ungherese Rudolf. Mentre al centro della prima linea tutto dipenderà dalle condizioni di Okaka (ha disertato per un affaticamento la seduta di rifinitura). Se l’ex romanista non recuperasse, verrebbe rilanciato l’argentino Castillo. 

Sono rimasti in sede l’acciaccato Belmonte e Rivas (in calo di condizione). In panchina si rivede Alvarez. Probabile formazione (4-3-3): Gillet; A. Masiello, Glik, Rossi, Parisi; Donati, Almiron, Gazzi; Rudolf, Castillo, HuseKlepp. 

ORE 16.31 - VENTURA CON BRESCIA VUOLE CAMBIARE STRATEGIA 
“La mia visione è 'leggermente' diversa da quello che abbiamo fatto vedere contro l’Inter cambiando modulo. Il mio credo si fonda su un calcio organizzato, con tempi e movimenti prestabiliti”: Giampiero Ventura, allenatore del Bari e nella scorsa stagione profeta del “calcio libidine” con lo schema ultraoffensivo 4-2-4, fa di necessità virtù e in vista della cruciale sfida salvezza con il Brescia si prepara a disegnare uno schieramento alternativo a quello su cui ha costruito il progetto tattico dei pugliesi nelle ultime due stagioni. 

“Stiamo vagliando altre soluzioni – aggiunge il ligure – tra cui la possibilità di attaccare con una punta e due esterni a sostegno...”. 

Sulla sfida al Rigamonti, che in caso di sconfitta renderebbe quasi impossibile un recupero salvezza per Gillet e compagni, ha poi aggiunto: “Fa un pò sorridere, perchè non facciamo tre punti da una vita, ma ormai non abbiamo scelta: noi scenderemo sempre in campo per vincere. Da qui alla fine della stagione”. 

E’ possibile che domani trovi spazio l’attaccante norvegese Huseklepp: “Siamo tutti curiosi di vederlo all’opera dopo l'esordio con l’Inter. Questa settimana con il posticipo non ci siamo allenati mai. Quindi vedremo in campo la sua condizione fisica”.

Infine Ventura ha elogiato il centrocampo inedito con la linea mediana composta da Almiron, Donati e Gazzi: “Nessuno dei tre ha caratteristiche tecniche per giocare così, ma sono stati eccellenti quanto a disponibilità ed applicazione. Gazzi, a sinistra, ha percorso zone di campo che aveva visto nella sua carriera solo in televisione”. 

Il Bari confermerà anche a Brescia la difesa schierata contro l’undici di Leonardo: Gillet tra i pali, Parisi e Andrea Masiello terzini, con Rossi e Glik marcatori. A centrocampo certo l’impiego di Gazzi, Almiron e Donati, in avanti di Rudolf e Castillo (Okaka ha problemi fisici). L’unico dubbio riguarda il quarto nella linea mediana: si contendono una maglia Alvarez e Codrea. 

Se ci sarà l’honduregno, giocherà dietro le punte; se invece sarà preferito il romeno, Almiron sarà il trequartista, con l’ex senese mediano destro di interdizione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione