Cerca

Impresa Pennetta batte n.5 al mondo Italia 1-1 in Fed cup

HOBART (AUSTRALIA) – Bella impresa della giocatrice di tennis brindisina Flavia Pennetta, che batte la numero 5 del mondo Samantha Stosur (la giocatrice sconfitta da Francesca Schiavone nella finale degli ultimi Open di Francia) e riporta l’Italia sull'1-1 nella sfida di Federation Cup sul cemento di Hobart. Così come quello fra Schiavone Groth, anche il secondo confronto odierno è stato molto tirato, oltre che disturbato dalla pioggia, che ha costretto le due giocatrici ad uno stop di un’ora, quando la situazione era di un set a testa
Impresa Pennetta batte n.5 al mondo Italia 1-1 in Fed cup
HOBART (AUSTRALIA) – Impresa di Flavia Pennetta, che batte la numero 5 del mondo Samantha Stosur (la giocatrice sconfitta da Francesca Schiavone nella finale degli ultimi Open di Francia) e riporta l’Italia sull'1-1 nella sfida di Federation Cup sul cemento di Hobart. Così come quello fra Schiavone Groth, anche il secondo confronto odierno è stato molto tirato, oltre che disturbato dalla pioggia, che ha costretto le due giocatrici ad uno stop di un’ora, quando la situazione era di un set a testa. 

Nel primo set la Pennetta ha sempre rincorso. Dopo aver annullato due palle break sotto sotto 3-2, la brindisina ha ceduto il servizio nell’ottavo game, ma ha immediatamente replicato nel gioco seguente strappando a sua volta la battuta alla Stosur. Poi nel tie break si è trovata sotto 4-2, ma è stata brava a rimontare. Punto del 6-5 per Flavia grazie a un ace, poi 7-5 su una risposta aggressiva che ha costretto all’errore l’australiana. 
Nel secondo set equilibrio fino al 2-2, poi il break della Stosur, con Flavia che sul finire del set ha accusato qualche problema alla coscia sinistra (le è stata fasciata). Poi l'azzurra, sotto per 5-4, ha ottenuto il break a zero, rientrando in partita. C'è stata quindi un’altra decisione al tie break. Con la Stosur andata avanti 3-1, poi 6-5 e doppio fallo decisivo della Pennetta. 
Nel terzo set l’equilibrio si è rotto sul 3-3, quando l'azzurra ha strappato il servizio all’australiana. Immediato il contro break della Stosur, poi ancora break della Pennetta e 5-4. La brindisina è quindi andata a servire per il match e non si è lasciata sfuggire l’occasione. Per lei quello odierno è stato il quarto successo su altrettanti match contro la Stosur. 

Domani con inizio alle ore 11 australiane (l'una del mattino in Italia) andranno in campo prima Schiavone-Stosur, quindi ci sarà l’ultimo singolare, Pennetta-Groth. A chiudere il doppio: le coppie annunciate sono Sara Errani e Roberta Vinci per l'Italia e Anastasia Rodionova e Rennae Stubbs per l’Australia, ma i capitani possono cambiare fino ad un’ora prima dell’incontro.

«SAPEVO DI POTERCELA FARE»
«Ogni partita va giocata fino in fondo ed oggi averla portata a casa ci dà respiro perchè mantiene intatte le nostre possibilità – racconta Flavia Pennetta commentando la partita vinta contro la Stosur – andare in campo sotto uno a zero non è stato facile, c'era tanta pressione. In campo ho cercato di non pensarci, è andata bene e siamo in corsa per la vittoria». 
Ha invece pensato che aveva sempre battuto la Stosur nei tre precedenti, uno peraltro, la finale vinta a Los Angeles nel 2009, che le aveva permesso di entrare per la prima volta tra le top ten (prima azzurra della storia a centrare il traguardo). «Certo conferma la brindisina – aver sempre battuto Sam in passato mi ha dato fiducia, sapevo di poterci riuscire ancora». 
Poi sul match: «Abbiamo entrambe avuto un sacco di occasioni, lei ad esempio è stata avanti 5-3 sia nel primo che nel secondo set. Io nel tie break del secondo ero 5-3 a due punti dalla vittoria… Ci siamo rincorse a vicenda». 

Quindi un pensiero al capitano Barazzutti e alla panchina azzurra: «Devo dire grazie a tutti perchè mi hanno sostenuto alla grande nei momenti difficili, quando magari ero un po' nervosa per qualche overrule. Avere un supporto così durante una sfida tanto intensa è molto importante e non capita spesso perchè nei tornei siamo abituate a giocare da sole». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400