Mercoledì 15 Agosto 2018 | 10:43

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Zeman: «Dietro siamo stati troppo passivi»

Il tecnico boemo del Lecce contento per non aver preso gol, ma «abbiamo giochicchiato e con loro che si difendevano a cinque erano dura trovare spazi davanti. Li abbiamo trovati solo a centrocampo: ma con gli spazi a centrocampo non si vince». Mazzone: «Ai punti avremmo meritato noi»
BOLOGNA - La felicità totale, il pareggio fra Bologna e Lecce non la dà a nessuno. «Forse, ai punti, avremmo meritato di vincere noi - ha provato a confortarsi Carlo Mazzone - ma non è comunque il momento di guardare la classifica». Non verrebbe da ridere. Così come non ride Zdenek Zeman: «Abbiamo giochicchiato - ha detto il tecnico del Lecce - e con loro che si difendevano a cinque erano dura trovare spazi davanti. Li abbiamo trovati solo a centrocampo: ma con gli spazi a centrocampo non si vince».
Proprio di una vittoria avrebbe avuto bisogno il Bologna, che continua ad essere impantanato in fondo: «Ora cerchiamo di tenere botta - ha spiegato Mazzone - aspettando di recuperare 5-6 titolari che ora sono fuori. Fin dall'inizio abbiamo cercato di forzare, per tentare di andare subito in vantaggio, anche se poi quando giochi contro Zeman non sai mai quando vinci o perdi: però non ci siamo riusciti, altrimenti avrei saputo cosa fare».
Darà coraggio il non aver preso gol, visto che capitava da 24 gare ufficiali, attaccando a questa la coda della stagione scorsa: «Chiedo scusa - ha sorriso amaro Mazzone - se vi ho tolto un argomento. Oggi in fase offensiva eravamo 3-4-2-1, però con gli esterni che dovevano scendere quando loro ripartivano. Nel primo tempo abbiamo fatto bene, e quando il portiere avversario fa tante parate, significa che tu hai tirato tante volte in porta. Possiamo essere soddisfatti di come abbiamo giocato, davanti a una buona squadra».
Soddisfatto è un termine che invece non esce dalla bocca di Zeman: «C'era preoccupazione perché nelle ultime gare avevamo sempre preso tanti gol: e allora i quattro dietro sono rimasti passivi, e tutto questo si è ripercosso in fase offensiva. E davanti i tre del Bologna, Bellucci, Meghni e Locatelli, sono molto bravi tecnicamente e ti possono sempre cambiare la partita». Non ci sono riusciti anche per le paratone di Sicignano: «Oggi è stato fenomenale», ha commentato Bellucci, uno di quelli che s'è visto respingere di tutto. Qualche bel volo l'ha fatto anche Pagliuca, che finalmente è uscito dal campo senza aver preso gol: «Ma avrei preferito fosse finita 3-2». Poi però ha salutato con un sorriso: «Delusi? Finisse oggi il campionato saremmo salvi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 
Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

 
Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh Dio, oh Dio!», il terrore in diretta

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 15 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh Dio, oh Dio!»: terrore in diretta | Vd: dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS