Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 04:12

Ventura: sono stufo ora serve una risposta dalla squadra

BARI – «Mi sono stufato di troppe cose. Contano le risposte sul campo, e le risposte le danno i giocatori. Al Sant'Elia andremo a giocarci la partita. Poi vedremo chi siamo»: il tecnico del Bari Giampiero Ventura, alla vigilia della sfida in trasferta a Cagliari, è consapevole che solo una vittoria potrebbe riaccendere le speranze di salvezza dei pugliesi. Sul piano tattico, il ligure potrebbe adottare qualche modifica di approccio, passando dal 4-4-2 al 4-3-3
Ventura: sono stufo ora serve una risposta dalla squadra
BARI – «Mi sono stufato di troppe cose. Contano le risposte sul campo, e le risposte le danno i giocatori. Al Sant'Elia andremo a giocarci la partita. Poi vedremo chi siamo»: il tecnico del Bari Giampiero Ventura, alla vigilia della sfida in trasferta a Cagliari, è consapevole che solo una vittoria potrebbe riaccendere le speranze di salvezza dei pugliesi. Sul piano tattico, il ligure potrebbe adottare qualche modifica di approccio, passando dal 4-4-2 al 4-3-3. 

«Non sono certo di cambiare modulo. Ne abbiamo parlato – spiega – ma devono esserne convinti i giocatori. Bentivoglio dall’inizio? E' una soluzione valida se dovessimo giocare con il centrocampo a tre. In caso contrario l’ex Chievo sarebbe in panchina, come lo era Pulzetti, del quale ha preso il posto». Sugli avversari Ventura ha qualche osservazione da fare. «Il Cagliari sta facendo un buon campionato, ha gruppo affiatato. Qualcuno si dice disperato – puntualizza con un po' di ironia - perchè tra i sardi ci saranno due assenze». 

Poi il rebus-formazione. «Ho possibilità di scegliere sia in difesa (ballottaggio Rossi-Raggi, ndr) che in attacco. Non sono al meglio Almiron, reduce da un lungo periodo di inattività, e Okaka, alla ricerca della forma migliore. Numericamente ne abbiamo fuori tre o quattro, prima gli indisponibili erano dieci. Sul nostro morale pesano i troppi risultati negativi accumulati. Con la Juve abbiamo avuto otto palle gol, non concretizzate. Tutto è figlio della tensione e dell’aspetto psicologico precario». 

I prossimi otto giorni, con il turno infrasettimanale contro l'Inter al San Nicola, saranno determinanti per il prosieguo della stagione. «Ci giochiamo parecchio – ammette – ma nella nostra condizione Cagliari, Brescia o Inter sono pari. Dipenderà moltissimo da noi». L’ultima battuta è sull'amarcord a Cagliari. «Sono stato per quattro anni nel capoluogo sardo, un record con il patron Cellino. Ho bellissimi ricordi di città, tifosi, amici, e risultati raggiunti. Se dovessi vincere darei un dispiacere alle persone care che ho a Cagliari, ma sono sicuro che mi capirebbero».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione