Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 15:05

La Pennetta agli ottavi di Melbourne contro i pronostici

Nel dopo-partita, in sala interviste, la Pennetta è apparsa molto soddisfatta. “E pensare che quest’inverno non mi sono allenata più degli altri anni – ha detto – perchè più vai avanti con l’età più è importante trovare il giusto equilibrio fra campo, fisioterapia e riposo. “Forse lì la Peer ha accusato un calo fisico e mentale”, ha sottolineato la brindisina felice “perchè adesso a Brindisi stanno già facendo i caroselli” 
La Pennetta agli ottavi di Melbourne contro i pronostici
MELBOURNE – Un’altra italiana negli ottavi di finale dell’Australian Open. A Francesca Schiavone, regina del Roland Garros, si aggiunge infatti Flavia Pennetta che supera se stessa ed anche il pronostica piegando per 3-6 7-6 6-4 l'israeliana Shahar Peer, n. 12 del mondo ed ex soldatessa che fece parlare di sè quando, per due volte, le venne negato il visto d’entrata, a causa della sua nazionalità, per giocare tornei in paesi arabi. E’ la prima volta dal 2004 che l’Italia piazza due tenniste in questa fase della competizione.

Fin qui la Pennetta aveva concesso alle avversarie solo sette giochi, mentre contro la Peer ha dovuto tirare fuori tutto il suo carattere, visto che il match si era messo tutt'altro che bene. La 23enne tennista di Gerusalemme era subito 'scappata vià centrando il break in apertura, ma la Pennetta aveva reagito recuperando il break al terzo game. Poi però la Peer aveva di nuovo allungato giocando un tennis molto aggressivo e cercando anche il punto a rete. Sotto per 5-1 la brindisina aveva avuto una reazione strappando ancora il servizio alla rivale dopo averle annullato due set point, aiutata da un doppio fallo dell’israeliana. Poi però la Pennetta si era dovuta arrendere sul 5-3 su una risposta in rete dopo il servizio della rivale. 

Nella seconda partita la Pennetta era partita bene, con il 2-0 a proprio favore, poi però c'era stata la rimonta della Peer che infilava quattro game di fila, andando sul 4-2. Ma l'azzurra era stata brava a non mollare. Così recuperava pur cedendo il turno di battuta nell’undicesimo gioco. La giocatrice di Gerusalemme aveva quindi la possibilità di servire per il match, ma la Pennetta replicava con un paio di splendide risposte che le consentivano di rimontare ancora per poi imporsi nettamente al tie break (7-3). Nel set decisivo Flavia appariva molto concentrata e determinata, con il break arrivato al settimo gioco. La brindisina saliva fino al 5-3 prima di chiudere sul 6-4. Negli ottavi affronterà la n. 25 del mondo, la ceca Petra Kvitova, che ha battuto per 7-6 (7-5) 6-3 l’australiana Samantha Stosur. 

Nel dopo-partita, in sala interviste, la Pennetta è apparsa molto soddisfatta. “E pensare che quest’inverno non mi sono allenata più degli altri anni – ha detto – perchè più vai avanti con l’età più è importante trovare il giusto equilibrio fra campo, fisioterapia e riposo. Dopo mezz'ora di gioco ero sotto per 5-1, però non mi sembrava di giocar male, ma a giudicare da quanto spingeva la mia palla non doveva farle male”. 

Nel secondo set l’israeliana aveva la chance di salire 5-2 e arrivava a servire per il match sul 6-5 ma la reazione dell’azzurra era perfetta, con quattro colpi vincenti ed il 7-3 finale, al tie-break. “Forse lì la Peer ha accusato un calo fisico e mentale”, ha sottolineato la brindisina felice “perchè adesso a Brindisi stanno già facendo i caroselli”. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione