Cerca

Calcio, Lecce-Atalanta sfuma l'accordo su Matteo Ardemagni

LECCE - Non se ne fa nulla per Matteo Ardemagni. L'ipotesi di accordo per uno scambio di comproprietà con l'Atalanta a cui sarebbe andato Daniele Corvia è definitivamente saltata. A complicare l'operazione, che sembrava ormai già bella e confezionata, è stato il mancato consenso di Corvia a trasferirsi in serie B, sia pure in un club che ha concrete chance di promozione immediata. Ma a chiudere definitivamente ogni possibilità è stato il grosso colpo messo a segno ieri pomeriggio dalla società bergamasca che si è assicurato dalla Sampdoria l'ex leccese Marilungo per quattro milioni e mezzo di euro
Calcio, Lecce-Atalanta sfuma l'accordo su Matteo Ardemagni
LECCE - Non se ne fa nulla per Ardemagni. L’ipotesi di accordo per uno scambio di comproprietà con l’Atalanta a cui sarebbe andato Corvia è definitivamente saltata. A complicare l’operazione, che sembrava ormai già bella e confezionata, è stato il mancato consenso di Corvia a trasferirsi in serie B, sia pure in un club che ha concrete chance di promozione immediata. 

Ma a chiudere definitivamente ogni possibilità è stato il grosso colpo messo a segno ieri pomeriggio dalla società bergamasca che si è assicurato dalla Sampdoria l’ex leccese Marilungo per la considerevole somma di quattro milioni e mezzo di euro. Una sortita, quella dell’Atalanta che ha anticipato sul tempo parecchi pretendenti della punta di diamante che l’anno scorso contribuì non poco al successo del Lecce nel campionato di serie B. 

Nel novero delle squadre a cui Marilungo poteva andare, si era ventilato anche il nome del Lecce, qualora la Sampdoria avesse deciso per un ulteriore prestito, ma l’Atalanta ha chiuso ogni discorso. Effetto diretto di tutto ciò, è comunque, il mancato arrivo di Ardemagni, che non suscita drammi negli ambienti del club salentino. 

Lo scambio, infatti, lo aveva proposto l’Atalanta ed il Lecce, che quanto ad attaccanti ne ha un bel numero, lo stava valutando soprattutto in considerazione della giovane età, che fa dell’ex bomber del Cittadella un investimento di prospettiva. 

Ora, si torna allo status quo. Corvia resta a Lecce e l’obiettivo del club resta quello originario, cioè di un altro difensore, questa volta un centrale. Visto quanto questo mercato sia aleatorio, non si può attendere fiduciosi Santacroce perché se il Napoli troverà l’occasione di cedere per intero il cartellino, non starà certo a farsi scrupoli per il prestito negato al Lecce. 

Quindi restano in piedi le ipotesi alternative che, in Italia, si restringono a Diakitè della Lazio. Esclusa l’ipotesi di Paci il cui procuratore ha chiesto un triennale con 550mila euro all’anno. Cifre sproporzionate per un giocatore che ha più di 30 anni. Probabile quindi, che si dovrà ricorrere al mercato estero. 

Passi in avanti per quanto riguarda lo sfoltimento della rosa. Con Reginiussen si sta procedendo alla risoluzione consensuale del contratto: tornerà alo Schalke 04. Diamoutene dovrebbe andare al Pescara (o in alternativa al Vicenza), Rispoli al Siena e Bergougnoux alla Triestina. Per quanto riguarda Diamoutene, però, il Lecce dovrà contribuire nella cifra necessaria per lo stipendio del giocatore fino alla fine dell’anno in corso quando scade il contratto. Ieri doppio allenamento a Calimera. 

Assenti Bertolacci e Sini impegnati nelle nazionali Under, ha ripreso a pieno regime Brivio che sarà disponibile domenica prossima. Non lo dovrebbe essere invece Olivera ancora impegnato in un programma di lavoro differenziato. Tempi più lunghi per quanto riguarda Ofere, per il quale l’infortunio sembra più grave di quanto si pensasse in un primo momento. La risonanza magnetica ha evidenziato una certa lassità dei legamenti. 

Oggi il calciatore si recherà a Perugia per un consulto dal professor Cerulli che valuterà l’opportunità di un intervento chirurgico. 

Oggi pomeriggio si proseguono gli allenamenti a Calimera. 
[m. bar.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400