Cerca

Lunedì 25 Settembre 2017 | 13:42

Sport e scuola, riconoscimento al Coni di Bari

Non capita tutti i giorni che un'iniziativa di un Coni provinciale venga presentata a un convegno mondiale. È successo al progetto "Integrazione delle Aree Urbane" varato dal Coni Bari e illustrato al meeting "Sport per Tutti" svoltosi a Roma
BARI - Non capita tutti i giorni che un'iniziativa di un Coni provinciale venga presentata - e con grande successo - a un convegno mondiale. E' quanto successo al progetto "Integrazione delle Aree Urbane" varato dal Coni Bari e illustrato al meeting "Sport per Tutti" svoltosi a Roma. L'evento, partito il mese scorso nell'ambito dell'Anno Europeo dell'Educazione attraverso lo Sport 2004, punta al binomio scuola e sport per la prevenzione del disagio giovanile.
Un progetto innovativo del Comitato olimpico, attuato in sole tre città (oltre a Bari, anche Prato e Genova) e cofinanziato dalla Commissione Europea, dalla Provincia e dal Comune di Bari, con la collaborazione di Cus, Angiulli, Circolo della Vela e piscina comunale di Bitritto, che hanno messo a disposizione i propri impianti.
L'iniziativa ha già coinvolto 1600 studenti di 15 istituti cittadini. Il primo passo è stata la compilazione di un questionario distribuito ai ragazzi: tre preferenze, per individuare le discipline più affascinanti ma difficilmente praticabili negli istituti scolastici (non sono mancate sorprese: per gli alunni di elementari e medie inferiori la regina degli sport è la pallavolo, mentre i più grandi preferiscono il tennis). Alla fine, le più gettonate sono risultate: atletica, calcio, hockey, e pattinaggio, lotta greco romana, judo, pallacanestro, pesi e cultura fisica, tennis, tennistavolo, tiro con l'arco, pallavolo, ginnastica, vela, canottaggio, canoa, nuoto, tiro a segno. Con un'attenzione particolare al mondo dei disabili.
Quindi, la fase operativa: grazie alla disponibilità di federazioni e associazioni sportive, da quattro settimane (e per altrettante, visto che si chiude a dicembre) ragazzi di tutti i ceti, dai quartieri più periferici al centro murattiano, stanno scoprendo e provando assieme tutte - ma proprio tutte - le nuove discipline indicate, per di più in impianti sportivi di alto livello. Inoltre, in questa seconda parte di programma, alle lezioni di pratica sportiva si affiancherà un corso di medina dello sport, alimentazione e prevenzione doping.
Insomma, per gli studenti una possibilità unica. Nel solco e sotto l'egida del più ampio progetto Coni Puglia Stars, già varato dal Coni regionale in collaborazione con la Direzione Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia del MIUR.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione