Cerca

Lazio-Lecce 1-2 per De Canio  3 punti salvezza

ROMA – “Una sconfitta meritata”, ma soprattutto “un’occasione sprecata” che macchia il girone di andata della Lazio condotto ad altissimi livelli, rovinando anche la festa dei 111 anni di storia del club biancoceleste, e regala al Lecce, e al suo allenatore De Canio, tre punti d’oro nella lotta salvezza. Il tecnico della Lazio, Edy Reja, non si nasconde e ammette di aver visto una brutta Lazio contro il Lecce, soprattutto nel primo tempo.
Lazio-Lecce 1-2 per De Canio  3 punti salvezza
ROMA – “Una sconfitta meritata”, ma soprattutto “un’occasione sprecata” che macchia il girone di andata della Lazio condotto ad altissimi livelli, rovinando anche la festa dei 111 anni di storia del club biancoceleste, e regala al Lecce, e al suo allenatore De Canio, tre punti d’oro nella lotta salvezza. Il tecnico della Lazio, Edy Reja, non si nasconde e ammette di aver visto una brutta Lazio contro il Lecce, soprattutto nel primo tempo.
“I primi 45' sono stati orribili – ha confessato – li abbiamo letteralmente regalati ai nostri avversari. Oggi, la squadra non aveva la mentalità e l’attenzione giusta per vincere questo tipo di partite. Loro si sono chiusi benissimo e ripartivano sempre in maniera pericolosa. Anche se vorrei sottolineare che i contropiedi più pericolosi sono sempre nati da palle inattive a nostro favore. E’ inaccettabile, è una questione di testa. Mi dispiace soprattutto per i tifosi che oggi avrebbero voluto festeggiare degnamente i 111 anni di storia”. Una sconfitta ancora più amara visto il mezzo passo falso del Milan, in casa contro l’Udinese, e il ko della Roma a Genova contro la Sampdoria. “E' davvero un peccato – ha aggiunto Reja, assumendosi la responsabilità del ko – perchè le altre stentano, e noi non dovevamo sciupare questa grossa occasione. Purtroppo non siamo stati brillantissimi. Non abbiamo paura di volare e il nostro girone di andata resta comunque molto positivo: difenderemo con le unghie questo secondo posto. Una battuta d’arresto ci può stare nell’arco del campionato, ma ora dobbiamo ripartire subito”.
A questo punto, tenendo anche conto del ko di Rocchi (distorsione al ginocchio ieri in allenamento, si teme un mese di stop), la priorità sul mercato resta una punta di peso. “La società sta lavorando, vediamo se riusciremo a centrare qualche obiettivo. Le trattative sono in corso”. Umore diametralmente opposto in casa Lecce, che trova all’Olimpico la prima vittoria in trasferta della stagione (la prima in assoluto contro la Lazio a Roma), e permette al tecnico De Canio, non solo di salvare la panchina, ma di rilanciare le ambizioni salvezza dei giallorossi.
“E' da un mese che fuori casa giochiamo bene – ha esordito De Canio – anche se i risultati non arrivavano. Ultimamente siamo diventati più compatti, e abbiamo maggior fiducia nei nostri mezzi. Con la Lazio c'è stato anche quel pizzico di fortuna che serve sempre per fare grandi risultati”. Una vittoria che arriva dopo la sconfitta nel derby, con la conseguente contestazione dei tifosi e le voci di un possibile esonero per l’allenatore del Lecce. “Non ho pensato nemmeno per un minuto a questa soluzione – ha aggiunto – Con la società c'è la massima sintonia. Con il presidente e i dirigenti abbiamo iniziato un percorso insieme e andremo avanti su questa strada. Dopo il derby perso, c'è stata grande amarezza, e il dissenso dei nostri tifosi ci può stare. Ma ho ricevuto anche tanti attestati di stima dalla tifoseria del Lecce e soprattutto dalla società”.
Una stima, quella nei confronti del tecnico, visibile anche in quegli abbracci con cui i giocatori hanno travolto De Canio al fischio finale. “E' stato un abbraccio spontaneo, e non è legato alle voci di esonero venute fuori in settimana – ha concluso – Mi godo la vittoria e i tre punti importantissimi per la nostra classifica”. A fine partita è stato il presidente del Lecce, Semeraro, a confermare la fiducia in De Canio e a sottolineare come anche oggi la sua squadra sia stata danneggiata. “Non ho mai messo in discussione il nostro allenatore. De Canio ha la piena fiducia della società. Vorrei invece far notare come anche oggi abbiamo subito un gol in fuorigioco”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400