Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 18:37

Pallavolo - Taranto-Gioia, il derby degli ex

Manca poco ormai per il derby, in programma lunedì sera (ore 20,15, diretta su Sky Sport 2), importante per entrambe le formazioni, in coda alla classifica della massima serie (ultimi i baresi, penultimi i tarantini). Siamo già a una sfida salvezza, pur trattandosi solo della settima giornata del girone di andata del campionato
BARI - Manca poco ormai per il derby tra la Teleunit Volley Gioia e la Prisma Taranto. L'incontro di lunedì sera (ore 20,15, diretta su Sky Sport 2) si profila come un incontro entusiasmante, oltre che importante per entrambe le formazioni, in coda alla classifica della massima serie (ultimi i baresi, penultimi i tarantini). Siamo già a una sfida salvezza, pur trattandosi solo della settima giornata del girone di andata del campionato di serie A1, resa ancor più delicata da un derby di Puglia che coinvolgerà due tra le tifoserie più affezionate d'Italia e che sarà giocato da numerosi ex: Andrea Bari e Gianluca Nuzzo, ora in forza alla Teleunit, da una parte; Renaud Herpe e Giacomo Giretto, adesso rossoblu, dall'altra contro gli ex compagni di squadra Giuseppe Barbone e Rafa Pascual. «Mi fa piacere incontrare Rafa, Giuseppe ed Andrea, anche se dall'altra parte del campo - dichiara Giretto -. Sarà un'occasione emotivamente forte, ma alla fine si risolverà in gara come le altre».
«È un incontro del quale si è parlato tanto - aggiunge Herpe - ma al di là della tensione generata dal derby, è una partita importante per la necessità di entrambe le squadre di far punti. Dire che è un incontro fondamentale per la salvezza, mi sembra prematuro ed esagerato».
Dello stesso avviso anche il capitano e centrale biancorosso, Barbone: «Sarà una partita entusiasmante e piena di capovolgimenti, ma non si può parlare di sfida-salvezza, come se si trattasse dell'ultima spiaggia. Non lo è assolutamente. A questo punto del campionato nessuna matematica può decretare un vincitore o un perdente».
Da una parte il giovane e poco blasonato Volley Gioia, dall'altra la Prisma Taranto con giocatori di grande esperienza e militanza. «I giocatori del Taranto hanno una grande esperienza, certo, maturata in tanti anni di attività agonistica - commenta Giretto - ma il Gioia ha subito manifestato il desiderio di far bene, mostrandosi una squadra da rispettare con un notevole potenziale di crescita che è emerso anche negli ultimi incontri».
«Grande esperienza, è vero, ma non abbiamo ancora avuto il tempo di affiatarci - aggiunge Herpe -. Abbiamo avuto parecchi infortuni che hanno tenuto lontani alcuni giocatori impedendoci, così, di trovare la nostra velocità di crociera. L'anno scorso a Gioia si era creato un gruppo molto affiatato nel quale mi trovavo molto bene. E viste le buone premesse penso che anche a Taranto si creerà quell'atmosfera».
«Rispettiamo l'indiscutibile esperienza dei nostri avversari - dichiara capitan Barbone, - ma non ci facciamo intimorire. Non temiamo le nostre antagoniste, perché siamo consapevoli che le preoccupazioni possono derivare solo dal nostro modo di giocare. Sono gli eventuali errori che devono spaventarci: se non ne commettiamo possiamo affrontare tutti e centrare il risultato positivo».
Alla vigilia della gara tutte le dichiarazioni sembrano sensate e convincenti. Sarà il campo a fare la differenza, come sempre. E lo spettacolo si preannuncia coinvolgente anche grazie alla presenza di tifoserie attivissime e pronte a sostenere i propri beniamini con cori e coreografie. «Di Gioia mi manca tanto il calore del pubblico - confessa Herpe -. Scendere in campo per me era sempre una grandissima emozione, i tifosi si facevano sentire ed il loro sostegno era fondamentale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione