Cerca

Calcio / Coppa Uefa - Parma torna in corsa

I gialloblu guidati da Baldini hanno battuto allo stadio "Tardini" - giocando in casa - la forte Steaua Bucarest allenata da Walter Zenga 1-0. Il gol è stato segnato al 34° del secondo tempo da Budel. La squadra sconfitta è prima in classifica in Romania. • La Lazio sconfitta due a zero dal Middlesbrough
PARMA-STEAUA BUCAREST 1-0
• PARMA (4-2-3-1): Berti 6.5; Camara 5.5 (30' st Ruopolo SV), Bovo 6, Cannavaro 6.5, Contini 6.5; Budel 7.5, Grella 6; Pisanu 6 (16' st Marchionni 5.5), Zicu 5.5 (1' st Bresciano 6), Rosina 6; Maccarone 6.5.
In panchina: Frey, Bolano, Savi, Potenza.
Allenatore: Baldini 6
• STEAUA BUCAREST (4-4-2): Tudor 6.5; Ogararu 6, Radoi 6, Ghionea 6.5, Marin 5.5; Dumitru 5.5 (23' st Bostina 6), Parashiv 5, Munteanu 6 (28' st Lovin 6), Dica 5.5; Neaga 5.5 (16' st Cristea 6), Oprita 5.5.
In panchina: Khomutovski, Baciu, Nesu, Ciocoiu. Allenatore: Zenga 6
• ARBITRO: Bossen (Olanda) 6
• RETE: 34' st Budel
• NOTE: Serata tiepida ed umida, terreno in buone condizioni. Spettatori: 5.000 circa. Ammoniti: Dica, Grella. Angoli: 10-3 per il Parma. Recuperi: 2' pt e 2' st.

PARMA - Aveva ragione Walter Zenga. Alla vigilia il tecnico della Steaua aveva detto che qualsiasi squadra di A, con in campo le seconde linee, avrebbe vinto il campionato rumeno. Considerato che la Steaua Bucarest è prima in Romania e che Baldini oggi ha mandato in campo il Parma 2, l'«Uomo ragno» aveva visto bene. I ducali si sono imposti per 1-0 grazie ad un gran gol di Budel al 34' della ripresa, una rete che permette ai gialloblù di tornare in corsa per la qualificazione e di agganciare proprio la Steaua. Eppure Baldini aveva tenuto fede al suo motto: prima il campionato (domenica c'è la sfida contro il suo ex Palermo) e poi l'Uefa. In campo, dunque, le seconde linee del Parma che, schierato con il consueto 4-2-3-1, presenta Maccarone, al rientro dopo l'infortunio, unica punta con Pisanu, il rumeno Zicu e Rosina alle sue spalle. Zenga dispone la Steaua con il 4-4-2 e schiera la migliore formazione possibile. L'«uomo ragno» ci tiene a fare bella figura davanti al pubblico italiano, tanto più che al Tardini c'è il presidente dell'Inter, Giacinto Facchetti che ha raccolto l'invito dell'ex portiere nerazzurro. Il Parma di Coppa visto nella prima giornata a Bilbao, per fortuna, è soltanto un brutto ricordo. Capitan Cannavaro («non mollare Adrian» il messaggio per Mutu scritto sulla fascia da capitano) e compagni, infatti, giocano un altro tipo di gara anche perché la Steaua non è senz'altro l'Atletico. I ragazzi di Baldini giocano bene, Grella e Budel (bravo in cabina di regia) difendono e impostano, Pisanu sulla destra spinge con insistenza e anche Maccarone è ispirato.
Particolarmente pericoloso l'ex attaccante del Middlesbrough che al 6' e al 10' impegna il portiere Tudor e che, al 39', esplode un gran destro dai 30 metri che l'estremo difensore rumeno deve alzare sopra la traversa. La Steaua si fa vedere al 33' con una bella azione della coppia Neaga-Oprita che l'attaccante rumeno, pressato da Cannavaro, non riesce a concretizzare. Oltre ai tentativi di Maccarone, da segnalare i tentativi di Zicu e di Pisanu. Il primo tempo si chiude sullo 0-0, ma il Parma avrebbe meritato qualcosa in più. Nella ripresa Baldini inserisce Bresciano al posto di Zicu (tra l'altro acciaccato). Il Parma continua a fare la partita, mentre la Steaua si limita a controllarla, dopo il 2-0 sullo Standard Liegi alla squadra di Zenga va benissimo anche un punto. I ducali hanno difficoltà a sfondare e allora Baldini, al 16', si gioca anche la carta Marchionni che rileva Pisanu. Al 18', però, prima vera occasione da gol per i rumeni che con un colpo di testa ravvicinato di Dica sfiorano il vantaggio, bravissimo Berti a salvarsi in angolo. La risposta del Parma, al 21', è affidata a Maccarone, bello ma alto il suo colpo di testa sul cross dell'ottimo Budel. Buon momento per i gialloblù che provano a stringere i tempi, al 26' un sinistro di Rosina viene deviato da un difensore rumeno e sfiorato da Maccarone, la palla finisce di un soffio a lato. Al 29' Rosina mette in mezzo una punizione, Marchionni spizzica di testa e sfiora il palo. Baldini le tenta tutte, alla mezzora dentro l'attaccante Ruopolo, fuiori il difensore Camara. Gli sforzi del Parma sono stati premiati al 34', quando un gran sinistro di Budel ha battuto imparabilmente Tudor. Finisce 1-0, il Parma vince meritatamente e torna in corsa per la qualificazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400