Cerca

Martedì 24 Ottobre 2017 | 00:43

Cassano: tutti lo vogliono nessuno lo piglia

GENOVA - Infinita «Cassaneide»: sul futuro di Antonio Cassano e sulla squadra che vorrà accoglierlo, è ridda di ipotesi, tutte puntualmente smentite. In questi giorni di novembre, ovvero dal momento in cui il Pibe de Bari è caduto nella considerazione del patron della Sampdoria per una litigata epica avvenuta negli spogliatoi del Mugnaini il 29 ottobre, sui media di mezzo mondo si sono succedute le ipotesi più incredibili
SONDAGGIO: Con chi faresti giocare Cassano?
Cassano: tutti lo vogliono nessuno lo piglia
GENOVA - Infinita «Cassaneide»: sul futuro di Antonio Cassano e sulla squadra che vorrà accoglierlo, è ridda di ipotesi, tutte puntualmente smentite. In questi giorni di novembre, ovvero dal momento in cui il Pibe de Bari è caduto nella considerazione del patron della Sampdoria per una litigata epica avvenuta negli spogliatoi del Mugnaini il 29 ottobre, sui media di mezzo mondo si sono succedute le ipotesi più incredibili: Cassano torna al Real Madrid (che vanta una clausola di 5 milioni di euro in caso di vendita del cartellino). Anzi, no: Cassano va al Genoa, va all’Inter in prestito e in cambio di Coutinho, va alla Fiorentina a sostituire una delle punte, va al Cagliari, al Palermo perché Zamparini lo vuole, va al Parma, alla Lazio (Lotito, «è fuori budget»), al Manchester City (Mancini, «ho già sette attaccanti»), al Milan, al Napoli (Mazzarri smentisce), alla Juve (Marotta, «Adesso non fa parte dei nostri programmi»). 

Insomma, tutti lo vogliono, nessuno - per ora - lo piglia. Una sola cosa è certa: l’esperienza di Cassano alla Sampdoria è conclusa. Lo ha ribadito ancora una volta il presidente Riccardo Garrone che, pur decantando le qualità del suo ormai ex pupillo, non ha dubbi sul fatto che Fantantonio non vestirà più la maglia blucerchiata. Vero è che nessuno, prima della pronunzia del collegio arbitrale, farà un passo avanti e altrettanto vero che il procuratore di Cassano, Giuseppe Bozzo, sta lavorando per trovare una squadra al suo assistito. Ma bisogna comunque attendere il pronunciamento del Consiglio arbitrale sollecitato con ricorso dalla Sampdoria sulla risoluzione del contratto con il fantasista barese, pronunzia che potrà essere resa nota già venerdì 3 dicembre, giorno fissato per la prima riunione del collegio. 

Per ripercorrere la «Cassaneide» bisogna andare proprio a quel 29 ottobre, quando si scatenò l’inferno negli spogliatoi del centro «Mugnaini» di Bogliasco, al termine degli allenamenti. Il presidente Garrone ricorda a Cassano un impegno pubblico e il fantasista barese gli dice no, poi lo insulta. Cassano viene messo fuori rosa il 30 ottobre. Non giocherà con il Cesena. Il 31 ottobre Fantantonio cerca di scusarsi adducendo la necessità di stare insieme alla moglie Carolina in attesa di un erede. Cassano continua a chiedere scusa e proclama di voler restare alla Sampdoria a vita. Poche ore dopo però nega di aver insultato Garrone. La Samp avvia la richiesta di collegio arbitrale che discuta la richiesta di risoluzione contrattuale per «insubordinazione grave». È il 2 novembre. Una settimana dopo Sampdoria e calciatore nominano gli arbitri. Fazzo per la società e Macrì per il calciatore. I due arbitri chiamano Paolo Giuggioli alla presidenza del Collegio arbitrale e fissano una data per la prima riunione: il 3 dicembre, in Lega. È l'unica cosa certa, per il resto solo ipotesi.

PER I BOOKMAKER CASSANO VA A PALERMO
Niente Inter o Juve nel futuro di Cassano. Il talento barese, in rotta con la Sampdoria, infatti, che sembrava potesse accasarsi all’Inter, potrebbe trovare nel Palermo la sua nuova squadra a gennaio. All’estero, infatti, i bookmaker continuano a seguire questa pista: Cassano tra i rosanero dopo il mercato di gennaio è l’opzione favorita, a 2,75. 
Nella scala della probabilità si candida anche la Juve, a 3,75, seguita da Fiorentina (4,00), Liverpool (4,50) e solo a 4,75 spunta l’ipotesi Inter (4,75). 
La permanenza alla Samp è ritenuta improbabile e paga 11 volte la scommessa. Praticamente impossibile un ritorno alla Roma, dato a 101.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione