Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 06:38

Diverbio Cassano-Garrone Parla il patron del Bari: Antonio si rovina da solo

BARI - «Non è più lo stesso Cassano di Bari, quello che stava con me e con Fascetti, è maturato, è diventato più grande, ma evidentemente c'è qualcosa nel suo carattere che non va, mi dispiace perchè si rovina da solo». Il presidente del Bari, Vincenzo Matarrese, parla dello scontro tra il suo omologo della Sap, Garrone, ed Antonio Cassano. Intanto, oggi i legali della Sampdoria hanno depositato in Lega la replica alla memoria presentata dagli avvocati di Antonio Cassano. E non è escluso che la decisione sul ricorso presentato dalla Sampdoria contro il calciatore barese possa essere presa già il 3 dicembre
Diverbio Cassano-Garrone Parla il patron del Bari: Antonio si rovina da solo
BARI – «Non è più lo stesso Cassano di Bari, quello che stava con me e con Fascetti, è maturato, è diventato più grande, ma evidentemente c'è qualcosa nel suo carattere che non va, mi dispiace perchè si rovina da solo». Il presidente del Bari, Vincenzo Matarrese, parla di Antonio Cassano ai microfoni di Sky Sport 24. Il massimo dirigente del club pugliese non si schiera nella querelle tra Garrone e il suo ex giocatore, ma si dice dispiaciuto per quello che è successo. E non è escluso che la decisione sul ricorso presentato dalla Sampdoria contro il calciatore barese possa essere presa già il 3 dicembre

SAMPDORIA HA DEPOSITATO REPLICA A MEMORIA
I legali della Sampdoria hanno depositato oggi in Lega la replica alla memoria presentata dagli avvocati di Antonio Cassano. Secondo quanto appreso la replica smantellerebbe punto dopo punto la memoria difensiva del giocatore barese. 

In questo documento, tra l’altro, sono citate le parole dei due testimoni (il team manager Giorgio Ajazzone e il responsabile dell’area comunicazione della Sampdoria Alberto Marangon) le cui relazioni sono già state depositate in Lega.

DECISIONE COLLEGIO POSSIBILE GIA' 3 DICEMBRE
Non è escluso che la decisione sul ricorso presentato dalla Sampdoria contro il calciatore barese Antonio Cassano possa essere presa già il 3 dicembre. La prima riunione, fissata in Lega proprio per quella data, prevede la convocazione delle parti e un tentativo di conciliazione esperito il quale si passa alla disamina del ricorso e all’esame delle prove testimoniali (peraltro presentate solo dalla società). Il lodo del collegio dunque potrebbe già essere pronunciato il giorno stesso. 

La decisione del collegio è considerata inappellabile anche se è formalmente possibile un’impugnazione della parte soccombente davanti alla sezione del lavoro del tribunale di Milano, cosa questa che potrebbe avvenire solo in caso di vizi di procedura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione