Mercoledì 15 Agosto 2018 | 03:06

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Calcio - Il Bari vince: Carboni salva la panchina

Nell'anticipo della 11ª giornata di serie B, un gol di Goretti al 12' del primo tempo permette ai biancorossi di cogliere a Catania la seconda vittoria in campionato e di rinsaldare la posizione dell'allenatore. Di contro, la sconfitta costa l'esonero al tecnico degli etnei Costantini
CATANIA-BARI 0-1 (0-1)

Catania (4-4-2): Pantanelli, Mariniello, Fresi, Bianco, Manfredini, Messera (11' st Lo Monaco), Miceli (35' st Kanjengele), Walem (18' st Anastasi), Caserta, Ferrante, Bruno. (16 Polito, 10 Vugrinec, 18 Baggio, 24 Danucci). All. Costantini.
Bari (4-5-1): Gillet, Brioschi, Dou Dou, Sibilano, Bellavista, Pagana (14' st Romanelli), Goretti (35' st Candrina), Gazzi, Carrus, Scaglia, Anaclerio (41' st Lipatin). (22 Di Bitonto, 4 La Vista, 5 Bianconi, 26 Motta). All. Carboni. Arbitro: Stefanini di Prato.
Reti: nel pt al 12' Goretti.
Recupero: 1' e 6'.
Angoli 8-6 per il Bari.
Ammoniti: Doudou, Walem, Carrus e Miceli per gioco falloso, Bruno per proteste.
Espulsi: Fresi (8' st) per fallo da ultimo uomo.
Spettatori: 7.000.

CATANIA - Rischiava di essere la partita dell'esonero di Guido Carboni. E' diventato il match fatale a Maurizio Costantini, esonerato. Nel più classico valzer delle panchine, il Bari salva il suo allenatore, per il quale la terza sconfitta di fila sarebbe stata con ogni probabilità fatale, vincendo al Cibali e riportando in piena crisi il Catania.
Gli etnei rimediano la prima sconfitta interna ribadendo ancora una volta chiari limiti nell'organizzazione della manovra, messi a nudo da un avversario mostratosi, a dispetto della classifica, certamente più pratico. Dura la contestazione del pubblico di casa a fine gara all'indirizzo di giocatori e tecnico.
Il Catania, senza cinque elementi, si schiera con l'annunciato 4-4-2 proponendo Messera largo a destra a centrocampo e il duo Ferrante-Bruno in attacco. Il Bari propone a sorpresa il siciliano Pagana tra i titolari e schiera una sola punta, Anaclerio. L'ennesima modifica di assetto non giova ai rossazzurri che lasciano a desiderare soprattutto a centrocampo, dove Walem e Miceli, assai imprecisi, non trovano mai i tempi e le sincronie giuste e i laterali, in particolare Messera, si accentrano troppo con l'effetto di rendere più caotica la manovra. I baresi aspettano gli etnei e ripartono in velocità appena possono.
Un grave errore in disimpegno di Bianco propizia il vantaggio degli ospiti all'11, quando Goretti ruba il pallone al difensore di casa e si presenta solo davanti a Pantanelli battendolo con un rasoterra. L'11 catanese accusa il colpo e non si ritrova. Un paio di tentativi velleitari di Caserta e Bruno non creano problemi a Gillet.
Tornati negli spogliatoi accompagnati dai fischi del pubblico, i rossazzurri vedono peggiorare la situazione dopo soli otto minuti della ripresa a causa dell'espulsione dell' incerto Fresi, reo di un fallo da ultimo uomo su Anaclerio. Forte dell'uomo in più, il Bari forza i tempi e sfiora più volte il gol del raddoppio. Già al 10' potrebbe arrivare il 2-0, ma il colpo di testa di Anaclerio s'infrange sulla traversa. Gli etnei sono alle corde, i biancorossi insistono e al 37' vanno ancora molto vicini alla seconda rete con Bellavista, il cui destro viene respinto sulla linea da Lo Monaco a Pantanelli battuto. Finisce con una invasione di campo, peraltro pacifica e senza conseguenze, di due tifosi locali nei minuti di recupero e con la contestazione del pubblico di casa, che ha portato all'esonero di Costantini: «Abbiamo deciso di esonerare Costantini - ha spiegato il presidente Nino Pulvirenti - perché siamo molto delusi da quel che abbiamo visto stasera. Paga l'allenatore, ma anche i giocatori hanno le loro colpe e per questo andranno subito in ritiro».

Classifica del campionato di serie B dopo Catania-Bari, anticipo dell'11ª giornata

Empoli 23 10 7 2 1 17 7
Torino 20 10 6 2 2 14 6
Genoa 19 10 5 4 1 22 11
Piacenza 18 10 6 0 4 17 16
Albinoleffe 17 9 5 2 2 14 7
Ascoli 17 10 5 2 3 14 14
Perugia 16 10 4 4 2 15 10
Vicenza 16 10 5 1 4 16 15
Cesena 15 10 4 3 3 10 9
Catania 15 11 4 3 4 13 16
Arezzo 14 10 3 5 2 20 15
Verona 14 10 4 2 4 17 14
Ternana 12 10 3 3 4 11 14
Catanzaro 11 10 3 2 5 14 14
Modena (-4) 10 10 4 2 4 11 10
Triestina 10 9 3 1 5 12 16
Venezia 10 10 3 1 6 9 14
Crotone 9 10 2 3 5 9 15
Bari (-1) 9 11 2 4 5 9 12
Treviso 8 10 2 2 6 8 15
Pescara 7 10 1 4 5 9 17
Salernitana 7 10 1 4 5 7 20
Albinoleffe e Triestina una partita in meno.

CLASSIFICA CANNONIERI

8 RETI: Tavano (3 rig.) (Empoli).
7 RETI: Spinesi (Arezzo); Milito (2 rig.) (Genoa).
6 RETI: Abbruscato (1 rig.) (Arezzo).
5 RETI: Pepe (Piacenza); Adailton (1 rig.), Bogdani (Verona).
4 RETI: Bucchi (1 rig.); Carbone (1 rig.), Corona (1 rig.) (Catanzaro); Cavalli (1 rig.); (Cesena); Calaiò (1 rig.) (Pescara); Marazzina, Quagliarella (Torino); Moscardelli (Triestina), Guidoni (Venezia), Schwoch (1 rig.) (Vicenza).
3 RETI: Possanzini (Albinoleffe); Colacone (1 rig.) Cristiano (Ascoli); Bernacci (Cesena); Makinwa e Gio. Tedesco (Genoa); Vannucchi, Lodi (Empoli); D. Russo (Pescara); Cossu (Verona).
2 RETI: Gori, Bonazzi, Carobbio (Albinoleffe); Gentile, Scotti (Arezzo); Antonelli, Monticciolo (Ascoli); Carrus (2 rig.), Goretti, Motta (Bari); E.Baggio (1 rig.), Bruno, Ferrante, Russo (Catania); Cammarata (Catanzaro); Alteri, Guzman, Vantaggiato (Crotone); Gemiti, Caccia, (Genoa); Asamoah, Ganz, Vignaroli, Campedelli (Modena); Delvecchio, Ferreira Pinto, Ferrigno, Ravanelli, Sedivec (Perugia); Jeda (1 rig.); Beghetto (Piacenza); Jimenez, M. Vieri (Ternana); Maniero (Torino); Reginaldo (Treviso); Godeas, Rigoni (Triestina) Biasi (Verona), Bonomi, Margiotta, Moscardi, Vitiello (Vicenza).
1 RETE: Poloni, Teani, Testini, Regonesi, Aaraboni (Albinoleffe); De Zerbi, Lorenzi, Teodorani (Arezzo); Fini, Cudini (Ascoli); Santoruvo, La Vista (Bari); Kanjengele, Manfredini, Caserta, Miceli (Catania); Leon, Zattarin, Biancone (Catanzaro); Biserni, Cavalli , Pestrin (Cesena); Savoldi, Cevoli, Galardo (Crotone); Lamouchi, Zanini, Sottil, Lazetic (Genoa); Moro, Zanetti, Gasparetto (Empoli); Tamburini, Antonini, Taldo (Modena); Mussi, Zeoli (Pescara) Masiello, Patrascu, Radice, Cristante, Campagnaro, Tarana. Lucenti (Piacenza); Boldrini, Di Loreto, Fusani, Mascara, Milanese (Perugia); Ferrarese, Mendil, Shala, Palladino, Terni (Salernitana); Di Vicino, Kharja, Salgado, D'Isanto, Troise, Wahab (Ternana); Codrea, De Ascentis, Pinga, Humberto (Torino); Capone, Centi, Chiappara, D'Agostino, Perna, (Treviso); Pecorari, Princivalli, Munari, Nardi (Triestina); Brellier, Andersson, Landaida, Biancolino (Venezia); Iunco, Italiano (Verona); Cherubini, Rantier, Zanoletti (Vicenza).
1 AUTORETE: Migliaccio (Ternana pro Treviso), Konko (Bari pro Crotone), Gonzalez (Vicenza pro Venezia), Radice (Piacenza pro Salernitana), Rossi (Crotone pro Catania).

PROSSIMO TURNO (11ª GIORNATA, sabato 30/10)

ALBINOLEFFE - GENOA
AREZZO - CESENA
ASCOLI - VICENZA
CATANIA - BARI 0-1 (giocata venerdì)
CATANZARO - VENEZIA
EMPOLI - TORINO
SALERNITANA - PESCARA
TERNANA - PERUGIA
TREVISO - PIACENZA
TRIESTINA - CROTONE
VERONA - MODENA

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Il Bari sempre più vicino alla Dadesso è corsa contro il tempo

Il Bari sempre più vicino alla D
adesso è corsa contro il tempo

 
Foggia batte Cerignola 2-0nell'amichevole allo Zaccheria

Foggia batte Cerignola 2-0
nell'amichevole allo Zaccheria

 
Il Bari va diritto su CastoriLa panchina il punto chiave

Il Bari va diritto su Castori: la panchina è il punto chiave

 
Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

Coppa Italia, sonora sconfitta per il Lecce: vince il Genoa 4-0

 
Atletica, la pugliese Palmisano

Bronzo per la pugliese Antonella Palmisano nella 20 km di marcia

 
Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

Foggia, Zambelli pronto a ricomnciare: siamo in rodaggio

 
Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

Lecce sul palco Genoa e la voglia di sgambetto

 
Galli vira sul nuovo Bari«Il mio progetto per ripartire»

Galli vira sul nuovo Bari: «Il mio progetto per ripartire». E il 26 si gioca col Bitonto

 

GDM.TV

Bari, «scompare» l'aereo rumeno: a rischio le vacanze in Grecia

Bari, sparisce il jet rumeno: addio alle ferie in Grecia

 
Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

Ponte crollato a Genova, le immagini dall'alto

 
«Oh mio Dio», il terrore in diretta

«Oh mio Dio», il terrore in diretta dei testimoni

 
Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, giù oltre 100 metri. Auto e persone sotto le macerie

Genova, apocalisse sull'autostrada: crolla un ponte, 35 morti e 16 feriti. Quattro estratti vivi
«Oh, mio Dio!»: terrore in diretta | Video dall'alto

 
Commemorazione fratelli Luciani, il video

Mafia, a un anno dalla tragedia la cerimonia a San Marco in Lamis

 
Brindisi, l'aereo-forno di RyanairMalori a bordo. «Bloccati sulla pista»

Brindisi, l'aereo-forno di Ryanair
Malori a bordo. «Bloccati sulla pista»

 
Prof. Gesualdo: «Primo trapianto al mondo a partire da donatore cadavere»

Trapianto di rene a catena a Bari. Gesualdo: «Ecco il primo caso al mondo»

 
La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

La masseria che faceva affari con 2mila piante droga a Lecce

 

PHOTONEWS