Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 14:20

Samp passa a Lecce (non senza difficoltà)

La Sampdoria espugna il «Via del Mare» di Lecce con il punteggio di 3-2 non senza difficoltà e contro i giallorossi che nonostante l’inferiorità numerica (espulso Chevanton) sono riusciti a recuperare due gol prima del tris firmato da Pazzini (tripletta). I gol: 8'pt Pazzini, 41'pt Pazzini (rigore), 27'st Di Michele, 38'st Diamoutene, 43'st Pazzini
Samp passa a Lecce (non senza difficoltà)
TABELLINO

LECCE (4-3-3):
Rosati 7; Rispoli 5.5, Giuliatto 5.5 (1'st Diamoutene 6), Fabiano 6, Mesbah 6; Grossmuller 6 (10'st Munari 6.5), Giacomazzi 6, Bertolacci 6; Jeda 6 (35'st Corvia 6), Di Michele 7, Chevanton 4.5 In panchina: Benassi, Vives, Piatti, Ofere. Allenatore: De Canio 6 

SAMPDORIA (4-4-2): Curci 7; Cacciatore 6 (30'st Volta sv), Gastaldello 5.5, Lucchini 6, Ziegler 6; Koman 6.5 (10'st Mannini 6), Poli 6, Tissone 6, Guberti 6; Marilungo 6 (22'st Dessena 6), Pazzini 8 In panchina: Da Costa, Accardi, Pozzi, Fornaroli. Allenatore: Di Carlo 6.5 

ARBITRO: Gava di Conegliano 5 

RETE: 8'pt Pazzini, 41'pt Pazzini (rigore), 27'st Di Michele, 38'st Diamoutene, 43'st Pazzini NOTE: Pomeriggi nuvoloso, terreno in buone condizioni. Spettatori: 14mila circa. Espulso al 38'pt Chevanton per gioco scorretto. Ammoniti: Giacomazzi, Di Michele, Cacciatore, Ziegler, Curci, Corvia. Angoli: 9-7. Recupero: 3'; 4'+1'. 

COMMENTO 
La Sampdoria espugna il «Via del Mare» di Lecce con il punteggio di 3-2 non senza difficoltà e contro i giallorossi che nonostante l’inferiorità numerica (espulso Chevanton) sono riusciti a recuperare due gol prima del tris firmato da Pazzini (tripletta). 

De Canio optava per il 4-3-3: con Jeda, Di Michele e Chevanton a formare il reparto offesivo. 
Di Carlo con il classico 4-4-2: Curci tra i pali; conferme in difesa per Cacciatore, Gastaldello, Lucchini e Ziegler; a centrocampo Koman, Poli, Tissone e Guberti; Marilungo e Pazzini a formare il tandem d’attacco. 

Al'8' blucerchiati in vantaggio: Pazzini a due passi da Rosati, complice una disattenzione della difesa salentina, era lesto a girare la palla in fondo al sacco. 
Al 13' splendido numero di Chevanton con tiro del calciatore sudamericano deviato dall’attento Curci. 
Al 22' cross dalla sinistra di Mesbah con Chevanton anticipato in extremis dalla difesa blucerchiata. 
Al 23' splendido intervento di Curci a respingere un gran tiro di Bertolacci. 
Al 34' cross dalla destra di Koman per l’accorrente Pazzini, anticipato dall’uscita decisa di Rosati. 
Al 38' il Lecce reclamava un penalty per un tocco di mani in area di Gastaldello ma l’arbitro lasciava correre l’azione. Sul contropiede seguente brutto fallo di Chevanton su Marilungo con l’attaccante uruguaiano che veniva espulso dal direttore di gara al quale scagliava contro la propria maglia. 
Al 40' fallo di Grossmuller su Marilungo e calcio di rigore per i blucerchiati. Dal dischetto Pazzini non falliva il raddoppio. Prima del riposo ancora un’occasione per Pazzini che da buona posizione calciava fuori. 

Ad inizio ripresa De Canio inseriva l’esperto difensore Diamoutene al posto di Giuliatto. Di Carlo inseriva Mannini al posto di Koman. All’11' il neoentrato tra i leccesi Munari croccava al centro ma la difesa avversaria anticipava l’arrivo di Di Michele. 
Al 13' gran tiro di Guberti e splendida respinta in angolo di Rosati. Al 15' Lecce vicino alla marcatura con la forte conclusione di Di Michele respinta da Curci. Ancora il club salentino in pressing: al 19' siluro da fuori area di Giacomazzi deviato in angolo. Sul corner seguente colpo di testa di Munari con Curci costretto alla presa in due tempi per bloccare la sfera. 
Al 22' calci di punizione di Mesbah, forte e centrale, respinto da Curci. 
Al 27' delizioso controllo di Di Michele e conclusione a girare per il gol che accorciava le distanze per i salentini. Lecce insidioso: al 37' Di Michele a due passi da Curci calciava a botta sicura ma trovava la respinta del portiere. Sull'azione seguente la squadra di De Canio pareggiava: colpo di testa del maliano Diamoutene e palla in fondo al sacco per il 2-2. 
Al 41' calcio di punizione da oltre venti metri d Ziegler alto sopra la traversa. 
Al 43' il gol dei blucerchiati: palla dentro, velo di Dessena, e gran tiro di Pazzini per la terza rete degli ospiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione