Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 11:04

Cassano perdonato: giocherà contro la Juve

Del Neri: «Non solo giocherà, ma spero faccia anche qualche gol». E' ufficiale: parte per Torino con il resto della squadra. Il tecnico ha deciso di non privarsi di lui per il posticipo di campionato di serie A
ROMA - «Cassano non solo giocherà, ma spero faccia anche qualche gol». E' ufficiale, Cassano parte per Torino domani con il resto della squadra. Del Neri ha deciso di non privarsi di lui per la partita contro la Juventus e ai microfoni di La7 ha parlato chiaramente delle sue intenzioni per la partitissima di giovedì. Forse la più attesa della stagione per le note vicende di Capello ed Emerson, mentre da Torino arrivano messaggi che scaldano l'ambiente. Moggi, direttore generale della società bianconera, ha detto che vorrebbe restituire a Totti il famoso gesto che il capitano della Roma rivolse a Tudor durante la partita che l'anno scorso i giallorossi vinsero segnando quattro reti alla Juventus. E ad arbitrare sarà Collina, lo stesso direttore di gara di quella partita dell'Olimpico. Insomma un appuntamento che non può essere come tutti gli altri e per questo forse Delneri ha deciso che era arrivato il momento di ridurre il periodo stabilito con Cassano per un recupero fisico (e psicologico) fissato una settimana fa con il giocatore. Così da ieri il talento barese si è allenato con i compagni. Anche una partitella, durante la quale ha ricevuto un colpo alla caviglia. Ed è stato solo questo il motivo per cui oggi Cassano non si è allenato. Un segno chiaro ed evidente che lo staff lo stava preservando in vista della partita di giovedì sera. Contro la Juventus non c'è da scherzare e Del Neri non poteva pensare di lasciare a casa il Cassano. L'attacco è uno dei pochi reparti che gira bene nella Roma, anche perché i nomi che lo compongono non sono da poco. Ma domenica contro il Palermo l'assenza del fantasista barese si è fatta sentire. La squadra ha avuto difficoltà ad arrivare al tiro. La squadra ha bisogno di Cassano, ma anche lui della Roma. Tanto che ieri ha cercato l'aiuto di Baldini per risolvere la situazione prima del tempo. La vicenda sembra avviata verso la soluzione. Al contrario di quella di Panucci con cui Del Neri non ha parlato e per ora sembra proprio che non parlerà: «Non è convocato per scelta tecnica», ha spiegato ancora il tecnico nella stessa intervista. Ancora pesanti gli strascichi lasciati dal diverbio che i due hanno avuto sabato scorso. Tornando alla partita Del Neri dovrà stabilire se schierare tutti e tre i fuoriclasse insieme o puntare sul 4-4-2. A questo punto però dovrebbe fare fuori uno tra Cassano o Montella e su Cassano è stato chiaro. Mentre con il tridente potrebbe essere Mancini ad uscire per lasciare spazio a tre centrali puri di centrocampo . Il brasiliano cerca di scuotere la squadra: «Stiamo migliorando, possiamo recuperare. Certo speravo che saremmo arrivati con un altro punteggio a questo appuntamento invece c'è una bella differenza di classifica tra noi e loro, ma possiamo recuperare». L'importante è avere un approccio vero alla gara: «Lo spirito deve essere quello di una finale mondiale. Dobbiamo andare a Torino con personalità per vincere perché siamo forti. Con il Palermo abbiamo giocato bene, ma siamo stati sfortunati. Cosa ci manca? Un po' di fortuna, fisicamente stiamo bene e il gruppo c'è». Delneri prende tempo per la formazione e non tralascia alcun dettaglio per rendere dura la vita alla Juventus. Lo dimostra una novità: la squadra parte per Torino domani mattina perché il tecnico vuole fare la rifinitura sul campo avversario.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione