Cerca

Venerdì 22 Settembre 2017 | 13:53

Calcio, Serie A Il Lecce ferma l'Inter 1-1 a Via del Mare

LECCE – Milito si è ripresentato con un palo e un gol, ma non è bastato all'Inter. La difesa nerazzurra ha rovinato tutto: Olivera di testa ha pareggiato su angolo e i nerazzurri hanno perso punti importantissimi. Inter un pò a corto di argomenti per le molte assenze, se vogliamo. Ma la squadra di Benitez avrebbe potuto segnare con Pandev (Rosati formidabile), già nel primo tempo. Poi un buon Lecce si è messo allo stesso livello dei nerazzurri. Lecce imbattuto, quindi, in casa dove ha ottenuto ben undici dei dodici punti accumulati in classifica
Calcio, Serie A Il Lecce ferma l'Inter 1-1 a Via del Mare
LECCE (4-3-3): Rosati 7; Rispoli 6, Gustavo 6.5 , Giuliatto 6, Brivio 6 (37'st Coppola 6); Olivera 6.5 (41'st Piatti 6), Giacomazzi 6, Vives 6; Jeda 6 (20'st Ofere 6), Di Michele 6.5, Mesbah 6.5. 
In panchina: Benassi, Sini, Grossmuller, Donati. 
Allenatore: De Canio 6.5. 

INTER (4-4-2): Castellazzi 6; Santon 6.5, Lucio 6.5, Cordoba 6.5, Chivu 6; Biabiany 5.5 (9' st Stankovic 6), Zanetti 6.5, Obi 6.5 (38'st Mancini sv), Coutinho 6; Pandev 5.5 (st 1' Milito 7), Etòo 6.5. 
In panchina: Orlandoni, Materazzi, Natalino, Nwankwo. 
Allenatore: Benitez 6. 

ARBITRO: Valeri di Roma 6. 
RETI: 31'st Milito, 34'st Olivera. 
NOTE: serata buona, terreno in mediocri condizioni, spettatori 12.000. 
Ammoniti Brivio, Rispoli, Gustavo, Milito. 
Angoli 7-3 per l'Inter. 
Recupero: 0'; 3'. 

LECCE – Milito si è ripresentato con un palo e un gol, ma non è bastato all’Inter. La difesa nerazzurra ha rovinato tutto: Olivera di testa ha pareggiato su angolo e i nerazzurri hanno perso punti importantissimi. Inter un pò a corto di argomenti per le molte assenze, se vogliamo. Ma la squadra di Benitez avrebbe potuto segnare con Pandev (Rosati formidabile), già nel primo tempo. Poi un buon Lecce si è messo allo stesso livello dei nerazzurri. 

L’Inter non è stata fortunata: dopo il palo di Milito, Stankovic ha sbagliato (due volte) da due passi. Etòo ha giocato a sostegno, ha tirato, ma non ha segnato e si è fatta preoccupante la difficoltà dell’Inter di andare a segno. Lecce imbattuto, quindi, in casa dove ha ottenuto ben undici dei dodici punti accumulati in classifica. 

A Via del Mare la squadra di De Canio, in possesso di un attacco che segna col contagocce (8 gol), è riuscita a passare contro la difesa più forte del campionato (6 gol subiti). Certo, l’Inter si è presentata in emergenza, senza J. Cesar, Maicon, Samuel, Sneijder, T. Motta, Muntari, Mariga e Cambiasso. Stankovic e Milito sono finiti inizialmente in panchina, poi il «principe» ha segnato, dopo un palo. Un buon ritorno. Stankovic ha sbagliato due occasioni. Benitez aveva dovuto far giocare Santon e Chivu (male il romeno) esterni, Cordoba e Lucio (entrambi bene) centrali nella linea difensiva; un centrocampo con Zanetti e Obi (bravi) in mezzo, Biabiany e Coutinho esterni e la coppia Pandev-Etòo in attacco. 

Una formazione abbastanza improvvisata che non ha retto davanti a un Lecce determinato, che si è presentato con un 4-3-3 coraggioso. A centrocampo, accanto a Giacomazzi (la chioccia) , è tornato Olivera (che gol !) e Vives è stato schierato dall’inizio. Munari è stato escluso perchè febbricitante. Davanti Jeda e Di Michele (si sono impegnati molto) e il tuttofare Mesbah (bene). 

In difesa, il mancato recupero di Ferrario ha costretto De Canio a schierare Brivio (duro) terzino sinistro. Questo poco esaltante pareggio renderà più complicato il cammino dei nerazzurri verso il derby, altra tappa cruciale della stagione. La squadra di Benitez nelle ultime sette partite ha fatto solo dieci punti e ha segnato solo 5 gol: numeri su cui meditare, in vista di un programma di rafforzamento. L’Inter avrebbe potuto segnare subito, all’11', quando Pandev, imbeccato da Biabiany (che era volato velocemente sulla sinistra), solo davanti a Rosati ha tirato a colpo sicuro, ma il portiere leccese ha salvato chissacome, avvitandosi su sè stesso: un miracolo. 

Il Lecce ha concesso spazi sulla destra, dove si è tuffato spesso Etòo, che non è stato tuttavia felice nelle conclusioni. L’impressione che la partita la stesse facendo l'Inter è durata una ventina di minuti. Poi è cresciuto il Lecce, che in velocità ha messo in difficoltà i nerazzurri, specie a centrocampo. Di Michele è stato attivo portando qualche insidia alla difesa nerazzurra sulla sinistra, mentre Jeda al 30' ha colpito alto di testa da buona posizione. L’Inter ha un pò sofferto e al 37' Brivio, dopo aver strappato in maniera irregolare il pallone sulla sinistra a Biabiany, ha crossato e Rispoli, da ottima posizione sul primo palo, ha sparato alto. Piedi da terzino. 

L’Inter nel finale del primo tempo ha tentato due volte di andare avanti, ma Etòo e Biabiany sono stati anticipati. Dopo il primo tempo, bene Obi, i due centrali della difesa Cordoba e Lucio, Santon e Zanetti nell’Inter. Di Michele si è mosso bene nel Lecce e anche Mesbah e Gustavo hanno meritato. Ma non è stato un gran primo tempo, sul piano qualitativo. Tutt'altro. Per cercare meglio il gol, Benitez ha fatto entrare Milito al posto di Pandev. Etòo è andato a sinistra, Coutinho si è un pò accentrato. Dopo poco Lucio (ginocchio sinistro) ha fatto tremare i nerazzurri, poi è rientrato. 

Un colpo di testa di Rispoli ha fatto volare Castellazzi al 5', ma l’Inter ha trovato difficoltà nel verticalizzare, anche per la buona disposizione del Lecce in campo. A questo punto Benitez ha tolto Bibiany per far spazio a Stankovic. Etòo ha avuto due occasionissime: al 10' ha ricevuto da Coutinho da destra su punizione, ha tirato di destro e Rosati con un balzo sulla destra ha deviato; un minuto dopo, pressato, ha messo alto da due passi su passaggio di Lucio da destra. Milito non è sembrato ancora al meglio: quasi sempre in offside, è stato fermato irregolarmente da Rispoli al limite. 

La punizione di Etòo è stata deviata dal «Principe» fuori. Anche De Canio ha cercato di dar peso all’attacco con Ofere, subentrato a Jeda. L'Inter ha cercato di forzare i tempi. Al 23' l’episodio chiave: Stankovic ha pescato Milito: stop e tiro di Milito che si è girato e di destro ha tirato: palo ! Subito dopo Stankovic si è trovato solo davanti a Rosati e di destro ha toccato male. Due occasioni clamorose. L’Inter ha cercato di concludere: Milito è stato falciato al limite da Gustavo. 

Poi Etòo con finte e centrofinte sulla sinistra ha frastornato i difensori leccesi e ha messo al centro: Milito stavolta ha insaccato da due passi. Ma tre minuti dopo (34') una disattenzione difensiva (Chivu e Stankovic) ha permesso al Lecce di pareggiare di testa su angolo da destra. Poi Di Michele ha tentato l’affondo, ma Stankovic al 43' di testa ha messo fuori da pochi metri e Milito ha tirato fuori da sinistra. Niente da fare per l’Inter che si mangerà le mani e si presenterà al derby tre punti sotto il Milan. 

(Foto: L'allenatore dell'Inter Rafael Benitez ,durante la partita del campionato di serie A: Lecce/ Inter,questa sera, 10 Novembre 2010, allo stadio Via del Mare di Lecce - ANSA/DARIO CARICATO)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione