Cerca

Udinese batte il Bari Matarrese:  Non facciamo drammi 

BARI –  Intervenire sul mercato? "Non facciamo drammi, siamo ancora ad inizio stagione. Comunque parlerò con i giocatori e Ventura": il presidente del Bari, Vincenzo Matarrese, ha invitato i tifosi a non allarmarsi dopo la sconfitta con l’Udinese, ma preannuncia che chiamerà a rapporto squadra e tecnico.
Udinese batte il Bari Matarrese:  Non facciamo drammi 
BARI –  Intervenire sul mercato? "Non facciamo drammi, siamo ancora ad inizio stagione. Comunque parlerò con i giocatori e Ventura": il presidente del Bari, Vincenzo Matarrese, ha invitato i tifosi a non allarmarsi dopo la sconfitta con l’Udinese, ma preannuncia che chiamerà a rapporto squadra e tecnico.


"Ho visto i ragazzi – sostiene – un pò più attivi rispetto alle ultime partite, ma i friulani erano obiettivamente più forti". "Sembra che tutti i nostri avversari – aggiunge - corrano il doppio in campo e non so se dipende da un problema fisico o mentale".


Sul rigore sbagliato da Barreto che avrebbe potuto portare il Bari in temporanea parità, Matarrese taglia corto: "L'errore dagli 11 metri conta poco quando hai di fronte una squadra superiore. Adesso pensiamo alla partita contro il Milan. Sarà l'occasione giusta per dimostrare il valore del nostro organico".


GUIDOLIN,SOGNO PARTE NOBILE CLASSIFICA


“Ci piacerebbe rimanere nella parte nobile della classifica fino alla fine, restando lontani dalla zona calda”: il tecnico dell’Udinese, Francesco Guidolin, è soddisfatto della prova della squadra con il Bari, in un San Nicola che continua a portargli fortuna. 

“Il successo esterno ci mancava da tanto tempo. Quella di oggi – spiega l’allenatore friulano – è una vittoria meritata, grazie alla prova di tutta la squadra. Sanchez ha fatto bene sia in fase d’attacco che di contenimento: è un generoso. Deve solo maturare e superare certe scappatelle e il futuro, un grande futuro, sarà suo”. Guidolin poi ha elogiato Handanovic (“ha parato un rigore decisivo”) e Isla (“ragazzo timido, il gol gli darà fiducia”) ma non ritiene che questa sia stata la migliore prova della stagione dei suoi: “Abbiamo giocato meglio con il Bologna, pur perdendo alla fine. Possiamo ancora migliorare sul piano del possesso palla: oggi, in avvio, abbiamo sbagliato spesso il primo passaggio”. 

La quarta sconfitta consecutiva pesa molto nello spogliatoio del Bari. I giocatori sono apparsi con volti abbattuti, mentre il tecnico Ventura ha puntato ad evitare una drammatizzazione del momento: “E' un momento che gira così. Avevamo iniziato bene. Poi il gol di Sanchez – afferma – ha cambiato tutto. L'infortunio di Salvatore Masiello ci ha costretto all’innesto di Caputo, un giovane volenteroso che la passata stagione era a Salerno. Sul piano psicologico mentre i nostri avversari volavano, noi sembrava avessimo un frigorifero sulle spalle. Adesso questa squadra ha bisogno di serenità”. 

La soluzione per venir fuori dalla crisi per Ventura è “nel lavoro e nel ritrovare il piacere di giocare con il sorriso. Al momento il gruppo è davanti a problematiche di classifica che non conosceva e che deve ancora metabolizzare”. L’ultima battuta del tecnico biancorosso riguarda il futuro: “Se è difficile pensare di fare quattro gol al Milan, sono certo che il Bari, con serenità, può raggiungere quota 40 punti, e conquistare la salvezza come negli obbiettivi della società”. 

Il difensore del Bari Andrea Masiello, invece, se la prende con la sfortuna: “Di questi tempi siamo sfigati. Abbiamo subito un gol con il primo tiro da 25 metri di Sanchez. Ora dobbiamo reagire, c'è sempre poco spazio per impostare e pochi varchi per gli attaccanti. Bisognerà cambiare qualcosa e inventare”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400