Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 20:04

Pallavolo - Santeramo stecca la prima in casa

Brutta sconfitta per le ragazze di Montemurro, ancora a zero punti in classifica. Le pugliesi non entrano praticamente mai in partita contro la capolista Chieri nell'anticipo della seconda giornata del campionato di serie A1 femminile. In A2 tocca ad Altamura e Matera
SICILIANI SANTERAMO - PALLAVOLO CHIERI 0-3 (14-25, 18-25, 16-25)

SICILIANI SANTERAMO: Fokkens, Sirressi n.e., Bown 11, Almeyda Elisangela 10, Beconi, Gligorovic 4, Grando 3, Gaggiotti, Niemczyk 4, Marulli 8. Allenatore: Montemurro.
PALLAVOLO CHIERI: Marletta, Scott 8, Ghisleni, Zetova 23, Marinova, Angeloni 3, Dias Virna 7, Vincenzi 9, Borri, Tom 10. Allenatore: Guidetti.
Arbitri: Ippoliti e Caldarola.
Note: Durata set: 20', 24', 23'. Spettatori paganti: 1.635. Santeramo - Battute: vincenti 0, errori 7; Chieri - Battute: vincenti 9, errori 4.

SANTERAMO - Alla prima in casa Santeramo si presenta in ritardo. Anzi, si può dire decida di restare negli spogliatoi. Critica severa, forse. L'impegno non manca di certo, ma il pubblico (1.635 spettatori, si aspettava invece il tutto esaurito) alla fine va via deluso dopo uno 0-3 contro Chieri senza attenuanti.
La coreografia è degna dell'occasione (esordio assoluto al PalaCooper in serie A1), ma le ragazze di Montemurro hanno un approccio alla gara addirittura inaspettato, visto il precedente di Bergamo, dove, sempre senza Phipps (arriverà? E quando arriverà?) e Wiegers (infortunata), riuscirono a ostacolare le campionesse d'Italia in carica vincendo un set e sfiorando il tiebreak. Stavolta in pochi minuti il primo parziale è già assegnato, visto il 7-0 iniziale messo a segno dalle torinesi.
Il Chieri, battuto all'esordio il Vicenza 3-1, è rafforzato dalla presenza della schiacciatrice Virna, in dubbio alla vigilia per un infortunio. Insieme con Zetova, un opposto incontenibile (miglior giocatrice dell'incontro con 23 punti realizzati, grazie soprattutto alle alzate di Marinova), la brasiliana comincia a martellare Santeramo, se possibile (sì è possibile) incrementando il vantaggio progressivamente: 1-8 al primo time out tecnico e poi via via (+8: 6-14; +9: 10-19; +11: 12-23) fino al 14-25 finale.
Nel secondo set, Montemurro lascia in campo la palleggiatrice croata Gligorovic (resterá fino alla fine), che aveva rilevato l'olandese Fokkens sul finire del primo parziale. Per un breve periodo la squadra di casa sale di tono, anche a muro, dove l'impegno della Marulli in precedenza era servito a poco. Ma nel Chieri comincia a crescere anche la Scott, con la Vincenti sempre attenta e puntuale.
I cambiamenti del tecnico biancoazzurro producono, però, un equilibrio che addirittura si spezza in favore delle padrone di casa: 8-6. Si continua punto a punto fino al sorpasso del Chieri, che prova la fuga (10-12) grazie a un muro di Scott. Sull'11-14, Montemurro chiama time-out. Teme di perdere nuovamente contatto. Del resto, Chieri appare più squadra, dimostra di avere maggiori soluzioni in attacco e, soprattutto, ha una costruzione di gioco e una finalizzazione più pulita, meno affidata al caso, grazie anche a una ricezione (93 per cento alla fine; perfetta per il 46 per cento) mai messa sotto pressione dalle avversarie.
Se, ad esempio, da una parte capita di attaccare senza muro, dall'altra non avviene mai. Del resto, per mettere in difficoltà chi sta di fronte spesso è necessario velocizzare e forzare, ma Santeramo non vi riesce. Se capita, entra in gioco il muro ospite. Nel frattempo, l'attacco del Chieri non cala di tono. Risultato: il distacco rimane inviariato fino al 16-19 (la polacca Niemczyk decide che è arrivato il momento di mettere a terra una palla, cui segue, immediato, un muro). Poi, il sestetto di Guidetti mette la marcia, approfittando di un calo in ricezione di Santeramo, e vince 25-18.
Ci vorrebbe uno scossone. Insomma, ci vorrebbero Phipps e Wiegers (e non solo). Ma non ci sono. Allora il terzo parziale assomiglia moltissimo agli altri due con Chieri che se ne va tranquillamente sul 3-7, poi sul 6-11, quindi sul 7-13. Guidetti si permette il lusso di togliere Virna e inserire Angeloni (classe '86), lasciandola sul parquet fino al 16-25 finale. La numero 8 del Chieri è una giovanissima che si fará sentire in futuro. Montemurro, dal canto suo, sará bene faccia altrettanto, ma subito. La capolista (è vero) è tra le favorite del campionato. Ma Santeramo, che domenica prossima andrà a Jesi ancora senza punti in classifica, a figure così dovrà cercare di porre rimedio. Con o senza Phipps.
G. Flavio Campanella

A1 femminile - Le altre gare (17 ottobre - ore 18.00)

Volley Modena - Despar Perugia; Scavolini Pesaro - Radio 105 Foppapedretti Bergamo; Terra Sarda Tortolì - Sant'Orsola Asystel Novara; Minetti Infoplus Vicenza - Pallavolo Reggio Emilia; Infotel Europa Systems Forlì - Monte Schiavo Banca Marche Jesi.

Classifica (dopo l'anticipo): Chieri 6; Novara, Bergamo, Jesi, Perugia, Modena 3; Vicenza, Reggio Emilia, Forlì, Tortolì, Pesaro, Santeramo 0.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione