Cerca

Ciclismo - Milano-Torino, sprint di Serrano

Lo spagnolo, 32 anni, ha vinto l'89esima edizione della più antica fra le classiche italiane. Sulla salita di Superga ha tentato un allungo Cunego, ma al vincitore del Giro d'Italia non è stato concesso spazio e dopo poche centinaia di metri il gruppo lo ha riassorbito
TORINO - Con un colpo a sorpresa a 500 metri dall'arrivo, lo spagnolo Marcos Serrano, 32 anni, ha vinto l'89esima Milano-Torino, la più antica fra le classiche italiane del ciclismo. Alla vista dello striscione, sul rettilineo di corso Casale, è scattato a una velocità superiore ai 50 km/h e si è scrollato dalla ruota l'australiano Evans e gli italiani Casagrande ed Eddy Mazzoleni che con lui si erano avvantaggiati sulla salita del Colle di Superga, a una quindicina di chilometri dall' arrivo.
Serrano, alla settima vittoria in carriera e alla prima stagionale, dopo il quarto posto ottenuto in agosto nel Gran Premio di San Sebastian di Coppa del Mondo, non è un velocista e se non avesse cercato la soluzione di forza che perfettamente gli è riuscita, avrebbe probabilmente finito la corsa in coda al gruppetto. Lo spagnolo, portacolori della Liberty Seguros, nella discesa verso Pino Torinese, a sette chilometri dalla meta, è finito fuori strada, a seguito di una sbandata sull' asfalto bagnato, ma non è caduto. Ha tuttavia perso un centinaio di metri e ha dovuto inseguire fino al termine della discesa, quindi all' ultimo chilometro, per ricongiungersi ai tre al comando. Serrano, stakanovista della bicicletta, domani correrà il Giro del Piemonte, sabato farà il Lombardia e domani disputerà in Spagna la cronoscalata fra Barcellona e il Colle del Montjuic. Sulla salita di Superga ha tentato un allungo anche Damiano Cunego, ma al vincitore del Giro d' Italia non è stato concesso spazio e dopo poche centinaia di metri il gruppo lo ha riassorbito.
La corsa è stata caratterizzata da una fuga di Andrea Tafi durata un centinaio di chilometri, esattamente da Casale Monferrato a Castelnuovo Don Bosco. Il suo vantaggio massimo è stato di 3'30". Tafi, 38 anni, nei prossimi giorni deciderà se chiudere la carriera oppure se ricandidarsi per un altro anno di attività.

Ordine di arrivo della 89ª Milano-Torino

1) Marcos Serrano (Liberty Seguros - Spagna) km 198 in 4h32'10", media oraria 43,760;
2) Eddy Mazzoleni (Saeco) a 1";
3) Francesco Casagrande (Vini Calderola - Nobili Rubinetterie);
4) Cadel Evans (T-Mobile - Australia);
5) Danilo Hondo (Gerolsteiner - Germania) a 29";
6) Allan Davis (Australia);
7) Matthias Kessler (Germania);
8) Demitri Fofonov (Kazakistan);
9) Cedric Masseur (Francia);
19) Luca Mazzanti;
23) Erik Dekker;
32) Damiano Cunego (Italia);
34) Leonardo Bertagnolli a 35";
62) Franco Pellizotti a 1'23";
65) Daniele Nardello;
66) Dario Frigo;
85) Paolo Savoldelli a 4'53";
110) Emanuele Sella a 8'22";
120) Michele Bartoli;
134) Andrea Tafi a 11';
Partiti 154, arrivati 140.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400