Cerca

Sabato 23 Settembre 2017 | 15:02

Indagato il portiere dell’Andria

ANDRIA - Scommesse clandestine, usura, estorsioni e riciclaggio. In questo filone d'indagine della Direzione Antimafia di Napoli che ha portato all'arresto di 25 persone, va inserita la posizione di Vitangelo Spadavecchia, portiere dell'Andria, indagato a piede libero. Attraverso i legali, professa la sua estraneità ai fatti contestati. L’Andria esprime fiducia nei confronti del tesserato e attende l’evolversi dell’inchiesta, anche se l’impiego del portiere è in dubbio per il derby di domani a Foggia
Indagato il portiere dell’Andria
ANDRIA - La posizione ufficiale dell'Andria arriva in tarda serata: fiducia nell'operato della magistratura per la vicenda che riguarda il proprio tesserato Vitangelo Spadavecchia. Per la società azzurra le notizie arrivate dalla Campania hanno avuto l'effetto di uno tsunami, anche se i fatti risalgono a quando l'attuale portiere azzurro era un tesserato del Sorrento. Vicenda delicata che, per tutto il pomeriggio, ha aperto il dibattito sull'opportunità o meno di convocare Spadavecchia per il derby di domenica allo “Zaccheria” contro il Foggia. 

L’ALLENATORE - A fugare ogni dubbio è stato il tecnico, Aldo Papagni: è lui a garantire che il giocatore giovinazzese sarà convocato e sarà titolare nella partita contro il Foggia. Salvo colpi di scena dell'ultimo minuto, il segnale è quello di concedere, per quanto possibile, un po' di serenità all'atleta. Finito nell'inchiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli su estorsioni, usura, riciclaggio e scommesse clandestine, che hanno portato all'arresto di 25 persone tutte legate ai clan camorristici della zona di Castellamare di Stabia. 

L’INDAGINE - Spadavecchia, ufficialmente indagato a piede libero, è accusato dalla Procura, di aver intascato 25mila euro per falsare il risultato della gara Juve Stabia – Sorrento del 5 aprile del 2009. Stagione che Spadavecchia stata disputando nel Sorrento insieme all'attaccante Cristian Biancone (arrestato ieri mattina), ex tra le altre di Foggia e Martina che, secondo l'accusa avrebbe convinto il portiere a “truccare” quella gara. 

LA PARTITA - La Juve Stabia vinse per 1-0 con un gol di Mineo che si trovò sui piedi il pallone respinto, in maniera goffa, da Spadavecchia su calcio di punizione di Grieco. 

I LEGALI DEL GIOCATORE - Il giocatore, che ha affidato ai suoi avvocati, l'incarico di chiarire la posizione in questa vicenda: “Vitangelo Spadavecchia è esterrefatto da quanto appreso dalla stampa. Nel dichiararsi estraneo ai fatti addebitati, ha conferito mandato agli avvocati Luciano Malagnino, Francesco Caliandro, Giampiero Orsino di verificare, approfondire e chiarire l’incresciosa vicenda dinanzi alle competenti autorità, riservandosi ogni azione necessaria a tutela della sua integrità morale e professionale”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione