Cerca

Martedì 26 Settembre 2017 | 21:55

Basket Brindisi Nulla osta Lega per il palaElio

Il palaElio supera l’esame della Federbasket. Il delegato del presidente della Lega A, Valentino Renzi, Francesco Riccò, ha avuto parole d’elogio per i tecnici che, in un arco di tempo anche abbastanza ristretto, hanno fatto sì che si potesse realizzare l’amplimento della struttura, portata alla capienza voluta dalla Lega A per lo svolgimento delle gare del campionato di serie A (3.534 posti a sedere), e per il restyling, atteso che oggi il palaElio si presenta con una veste decisamente civettuola
• Al via il campionato di A sarà davvero spettacolare
• Il coach: «Noi non saremo una meteora»
Basket Brindisi Nulla osta Lega per il palaElio
di FRANCO DE SIMONE
 
Il palaElio supera l’esame della Federbasket. Il delegato del presidente della Lega A, Valentino Renzi, Francesco Riccò, ha avuto parole d’elogio per i tecnici che, in un arco di tempo anche abbastanza ristretto, hanno fatto sì che si potesse realizzare l’amplimento della struttura, portata alla capienza voluta dalla Lega A per lo svolgimento delle gare del campionato di serie A (3.534 posti a sedere), e per il restyling, atteso che oggi il palaElio si presenta con una veste decisamente civettuola. I tecnici arch. Luigi Dell’Atti, Maria Funiati, Salvatore De Simone, e l’ing. Claudio Riotta. Per il delegato Riccò, l’ok definitivo. 

COMMISSIONE PUBBLICI SPETTACOLI - Resta quello della Commissione pubblicio spettacoli che, ieri mattina, si è riunita in Prefettura chiedendo, ai tecnici, l’intero progetto perché potesse essere esaminato con attenzione. La qual cosa ha fatto slittare il sopralluogo esaustivo a giovedì prossimo. Ad ogni modo, per quanto è dato sapere, nessun problema. I lavori, che averrebbero dovuto essere portati a termine ieri, saranno completati a stretto giro di tempo, anche per permettere alla squadra di poter iniziare gli allenamenti sul parquet di casa.C’è la netta percezione che il campionato di serie A di pallaca- ne- stro ma- schile, al via da domani, a Brindisi sarà decisamente catalogato l’«evento sportivo» dell’anno. I dirigenti del sodalizio più antico di Puglia e Basilicata, hanno chiesto allo staff tecnico, affidato al coach dell’Enel Basket Brindisi, Giovanni Perdichizzi, l’allestimento di una squadra che non si presentasse alla «festa» con i panni della parente povera, ma un roster in grado di non deludere le aspettatative di una piazza idolatrante i suoi «eroi». 

Così, fra le mani dell’allenatore che vanta un palmares di tutto rispetto (otto trionfi nei vari campionati, due dei quali a Brindisi), dieci uomini, tutti atleti talentuosi, che, fra un po’, diventeranno un «gruppo». Parola, quest’ultima, che per il tecnico è garanzia per nuovi importanti successi. In giro, in questi giorni, si respira aria di entusiasmo. Yakhouba Diawara, Bobby Dixon, Chris Monroe, Chris Lang, assieme a Edin Bavcic e Tony Giovacchini, i volti nuovi di questa attesa Enel Basket. Una squadra non altissima quanto la sua avversaria di domani (Virtus Roma) che ha un roster davvero molto alto, con otto uomini che vanno dai 203 ai 212 centimentri (Adrea Crosariol), ad ogni modo più che rispettabile con le ali Nikola Radulovic, Edin Bavcic ed il pivot Chris Lang che viaggiano sui 211 centimetri. 

L’ultimo ad aggregarsi alla pattuglia biancazzurra, il pivot di Gastonia, Chris Lang. Vale a dire un ragazzone molto educato ed estremamente professionale che sotto canestro può davvero fare la voce grossa, sulla scorta che per lui ha garantito il direttore sportivo Santi Puglisi, il «santone» della pallacanestro italiana (diciotto campionati di serie A alle spalle), che lo ha seguito in Italia quando ha vestito, tre anni fa, la maglia della VidiVici Bologna. Fra le «stelle» dell’Enel Basket, Yakhouba Diawara, che ha vissuto, quattro deu suoi ultimi anni di giocatore nella National Basket Associatione (NBA) a Detroit ed a Miami. Un giocatore da tutti indicato di straordinario valore, che gioca con il sorriso stampato sul volto. Giocatori che in questi giorni hanno rassicuto tutti, atteso che ognuno di loro ha confessato di sentirsi bene e che il loro ambientamento non ha costitutito certamente un problema. Sono a Brindisi da poco più di un mese; Lang da meno di due settimane, ma sembra che si trovino già a casa. Merito di uno staff dirigenziale e tecnico che da subito hanno accolto tutti benissimo. Ecco perché poi, nel corso degli allenamenti procede tutto bene. E domani la Virtus Roma. Vista la loro esperienza anche nei campionati italiani, sanno bene che sarà una gara delicatissima. Sanno che Roma vanta giocatori di primo livello, con classe ed esperienza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione