Cerca

Piatti: col Lecce spero  di segnare a Catania

«Spero che la mia prima rete in serie A possa arrivare quanto prima». È l'augurio che si fa Ignacio Piatti, centrocampista argentino del Lecce, stilando alla vigilia della gara col Catania un primo bilancio della sua avventura italiana. «In questa nuova esperienza mi sto trovando molto bene sia a Lecce, città molto bella perchè a misura d’uomo sia con i miei nuovi compagni di squadra, che da subito mi hanno messo a mio agio». Sul prossimo avversario, che conta una discreta colonia argentina, Piatti ha le idee chiare: «Domenica affronteremo il Catania, che in rosa annovera tanti miei connazionali; con alcuni di loro ci ho giocato contro. Spero in un mio goal»
Piatti: col Lecce spero  di segnare a Catania
LECCE – «Spero che la mia prima rete in serie A possa arrivare quanto prima». È l'augurio che si fa Ignacio Piatti, centrocampista argentino del Lecce, stilando alla vigilia della gara col Catania un primo bilancio della sua avventura italiana. 

«Un primo bilancio delle gare in Italia? Differenze tra Argentina e Italia – sottolinea – ci sono. Personalmente mi piace giocare in avanti, dal centrocampo in su, proprio come giocavo in Argentina. Qui in Italia, invece, mi rendo conto che devi aiutare la squadra nella fase difensiva e con il mister stiamo lavorando proprio su questo». 

«In questa nuova esperienza – continua – mi sto trovando molto bene sia a Lecce, città molto bella perchè a misura d’uomo sia con i miei nuovi compagni di squadra, che da subito mi hanno messo a mio agio». Sul prossimo avversario, che conta una discreta colonia argentina, Piatti ha le idee chiare: «Domenica affronteremo il Catania, che in rosa annovera tanti miei connazionali; con alcuni di loro ci ho giocato contro, mentre, ho conosciuto personalmente Maxi Lopez, attaccante forte, rapido e veloce. Dovremo fare la stessa partita che abbiamo fatto a Palermo, cercando la porta avversaria, prestando quanto più attenzione possibile per portare a casa la vittoria». 

Le probabili formazioni di Lecce-Catania

Lecce (4-3-3): 22 Rosati, 33 Rispoli, 4 Gustavo, 13 Ferrario, 11 Mesbah, 23 Grossmuller, 32 Coppola, 19 Piatti, 27 Jeda, 9 Corvia, 10 Olivera (81 Benassi, 20 Vives, 14 Fabiano, 28 Brivio, 8 Munari, 91 Bertolacci, 15 Ofere). All.: De Canio. Squalificati: Giacomazzi. Diffidati: nessuno. Indisponibili: Reginiussen, Chevanton, Di Michele, Giuliatto. 

Catania (4-1-4-1): 21 Andujar, 2 Potenza, 6 Silvestre, 3 Spolli, 33 Capuano, 5 Carboni, 13 Izco, 27 Biagianti, 19 Ricchiuti, 7 Mascara, 11 Maxi Lopez. (30 Campagnolo, 22 Alvarez, 23 Terlizzi, 8 Ledesma, 4 Delvecchio, 17 Gomez, 9 Antenucci). All.: Giampaolo. Squalificati: nessuno. Diffidati: nessuno. Indisponibili: Sciacca, Llama, Augustyn. Arbitro: Pierpaoli 

LE CURIOSITA' 
Luigi De Canio, tecnico del Lecce, hain ottobre il mese dell’anno solare in cui, in sole gare di campionati professionistici, le sue squadre hanno il miglior rendimento in termini di media-punti per gara: 1.80, frutto di 24 successi, 11 pareggi ed 11 sconfitte, in 46 panchine.

Il Lecce è la squadra della serie A 2010/11 ad aver finora perduto il maggior numero di punti nei secondi tempi, rispetto al risultato dei primi 45' di gara: -5. Tra vecchia e nuova stagione, il Catania segna da 12 partite consecutive per 17 marcature totali. Ultimo digiuno siciliano il 28 marzo scorso, 0-1 a Napoli in campionato. 

Marco Biagianti, se dovesse scendere in campo, festeggerebbe la 100/a presenza ufficiale con la maglia del Catania. Le attuali 99 presenze sono così suddivise: 94 in serie A e 5 in coppa Italia. Il debutto assoluto di Biagianti in rossoazzurro risale al 7 aprile 2007: Catania-Roma 0-2, in serie A.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400