Cerca

Lunedì 23 Ottobre 2017 | 06:26

Calcio, il Taranto s'allena a Fasano Torna Prosperi

di GIUSEPPE DIMITO
TARANTO - Gli ultimi tre giorni di preparazione, compresa la partitella contro la Berretti, saranno disputati a Fasano per gentile concessione della soietà biancoazzurra. La motivazione ufficiale parla di «sistemazione» del terreno di gioco. Ma è noto che negli ultimi giorni è scoppiata una querelle fra D'Addario ed il Comune sullo Iacovone. Intanto Fabio Prosperi, il forte centrale difensivo, è ricomparso ieri pomeriggio allo Iacovone al termine dell'odissea che lo ha visto protagonista, in negativo, all'incirca due mesi fa. Agli inizi di agosto, infatti, nel corso di un'amichevole con l'Atletico Roma, in un fortuito scontro di gioco, riportò la frattura della tibia
Calcio, il Taranto s'allena a Fasano Torna Prosperi
di GIUSEPPE DIMITO
TARANTO - Toh, chi si rivede: Fabio Prosperi. Il forte centrale difensivo è ricomparso ieri pomeriggio allo Iacovone al termine dell'odissea che lo ha visto protagonista, in negativo, all'incirca due mesi fa. Agli inizi di agosto, infatti, nel corso di un'amichevole con l'Atletico Roma, in un fortuito scontro di gioco, riportò la frattura della tibia. Gesso e stampelle lo hanno accompagnato per il primo mese. Subito dopo si è recato a Civitanova marche per effettuare e completare la preparazione. Ieri è comparso per la prima volta allo stadio. Fino al termine della settimana lavorativa, girerà a parte. 

Da martedì si riaggregherà al gruppo. Potrebbe tornare disponibile per la prossima gara interna con la Lucchese. Sulla sua situazione dice: «Per mio conto posso soltanto dare a breve la disponibilità ad essere utilizzato. L'ultima parola, ovviamente, spetterà al mister». Ha visto tutte le gare finora disputate dai suoi compagni. Qual è il suo giudizio? Dice: «In casa abbiamo fatto il pieno e questo è abbastanza incoraggiante. Fuori casa, invece, abbiamo acciuffato un punto. La sconfitta con l'Atletico Roma è assolutamente bugiarda. Lo sanno pure le pietre. Il gioco? Non è stato malvagio. E poi, dovete considerare che la classfica si è fatta veramente bella. E, nel calcio, la conquista dei punti gratifica». 

Prosperi è uno dei veterani della squadra. Può offrire una seria riflessione sulla differenza fra la scorsa e l'attuale stagione. Risponde con toni convinti: «La società è diventata adulta. Ha costruito la squadra con maggiore equilibrio e senso geometrico. Come naturale conseguenza di quanto detto, posso affermare che questa squadra è più logica e più convinta delle proprie possibilità. Tutti hanno maggiore disponibilità mentale per il gruppo». 

Domenica prossima c'è un test importante, a Pisa. il difensore rossoblù ha le idee chiare: «Trasferta difficile ed impegnativa. Dovremo giocare come nelle due precedenti gare di Cosenza e Roma contro l'Atletico. Dovremo essere solo più concreti e cattivi dal punto di vista agonistico sotto porta. Già non perdere significherebbe restare ancorati da soli al secondo posto. Se riuscissimo a fare il "pieno", significherebbe probabilmente avvicinare la vetta». 

Intanto c'è una grossa novità da segnalare. Gli ultimi tre giorni di preparazione, compresa la partitella contro la Berretti, saranno disputati a Fasano per gentile concessione della soietà biancoazzurra. La motivazione ufficiale parla di «sistemazione» del terreno di gioco. Ma è noto che negli ultimi giorni è scoppiata una querelle fra D'Addario ed il Comune sullo Iacovone. 

Il presidente rossoblù aveva avanzato l'ipotesi di far riaprire l'anello inferiore della curva Nord e della gradinata, nonchè risistemare il terreno di gioco a sue spese. Il Comune ha risposto che, prima di metter mani all'interno dello stadio, servono le necessarie autorizzazioni. Ora c'è questa decisione della società di trasferirsi a Fasano per gli allenamenti. Un accordo fra le parti è veramente difficile?
(Fabio Prosperi - foto Todaro)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione