Cerca

Venerdì 20 Ottobre 2017 | 21:53

Piovono gol a Palermo col Lecce 2-2

PALERMO - Pareggio per 2-2 tra Palermo e Lecce grazie ai gol di: Giacomazzi, Corvia, Pinilla, Maccarone. Espulsi: nel st 30' allontanato dalla panchina l'allenatore dei portieri del Palermo, Mario Paradisi, per proteste; 36' Giacomazzi per doppia ammonizione
• I risultati delle partite della V giornata
• La classifica
• Classifica cannonieri
Piovono gol a Palermo col Lecce 2-2
Palermo e Lecce 2-2 (0-1). 
Palermo (4-3-2-1): Sirigu 6, Cassani 6, Munoz 6, Bovo 5.5, Balzaretti 5.5, Migliaccio 6, Liverani 6 (10' st Bacinovic 6), Nocerino 6.5 (17' st Hernandez 6), Pastore 7, Ilicic 6, Pinilla 6.5 (Maccarone 6). (99 Benussi, 36 Darmian. 4 Kasami, 24 Rigoni). 
All.: D. Rossi 5.5. 

Lecce (4-3-3): Rosati 6.5, Rispoli 6, Gustavo 6.5, Fabiano 6.5, Mesbah 7, Grossmuller 6, Giacomazzi 6.5, Piatti 6 (38' st M. Coppola sv), Jeda 6 (24' st Munari sv), Corvia 6.5, Olivera 6 (20' st Sini). (81 Benassi, 2 Donati, 91 Bertolacci, 15 Ofere). 
All.: De Canio 7. 
Arbitro: Bergonzi di Genova 5. 
Reti: nel pt 8' Giacomazzi; nel st 1' Corvia, 7' Pinilla Ferrera, 48' Maccarone. 
Angoli: 10-4 per il Palermo. 
Recupero: 2' e 5'. 
Espulsi: nel st 30' allontanato dalla panchina l’allenatore dei portieri del Palermo, Mario Paradisi, per proteste; 36' Giacomazzi per doppia ammonizione. 
Ammoniti: Migliaccio, Fabiano, Mesbah, Cassani, Jeda, Giacomazzi e Corvia per gioco scorretto. 
Spettatori: paganti 22.378, per un incasso di 295.203,00. 

I GOL
- 8' pt: l’azione del vantaggio del Lecce parte dalla destra, con un cross di Jeda respinto dalla difesa, raccoglie ai 20 metri Giacomazzi che insacca con un destro al volo di destro. 
- 1' st: Olivera si libera di Cassani sulla sinistra, mette al centro per Corvia che, di testa, gira in rete, beffando Sirigu sul secondo palo. 
- 7' st: Pinilla raccoglie una corta respinta di Rosati, su conclusione ravvicinata di Ilicic (ben servito da Migliaccio), ed insacca a porta semivuota. 
- 48' st: Pastore si libera di un uomo ai 16 metri e conclude, Rosati respinge sui piedi di Maccarone che firma il 2-2 a porta vuota.

IL COMMENTO
Il Palermo si salva in extremis dal secondo stop consecutivo al «Barbera» e il Lecce si vede sfuggire una vittoria che sembrava avere già in tasca ma che non avrebbe meritato. L’entusiasmo del Palermo per la vittoria in casa della Juve lascia spazio alla stanchezza che gioca brutti scherzi a Pastore e compagni, poco brillanti e a tratti anche poco convinti. Il volenteroso Lecce passa presto in vantaggio, ad inizio ripresa raddoppia con cinismo e potrebbe anche triplicare. I padroni di casa hanno il gran merito di non arrendersi, Pinilla riapre la partita e poi con il passare dei minuti diventa un’assedio, soprattutto dopo l’espulsione di Giacomazzi.

Nel recupero arriva il pareggio, ma il Palermo «rischia» anche di effettuare il sorpasso. Delio Rossi restituisce le chiavi del centrocampo a Liverani, anche se il recuperato Bacinovic va in panchina. Per il resto confermata la formazione che ha vinto a Torino con la Juve con i due trequartisti Ilicic e Pastore dietro Pinilla unica punta. De canio lascia a Lecce gli affaticati Di Michele, Giuliatto e Vives che si aggiungono a Chevanton e Reginiuussen. In difesa esordio per Rispoli. La prima palla gol è del Palermo al 6' con Pastore che mette in mezzo, Ilicic non riesce a far suo il pallone e Rosati recupera su Pinilla. 

Ma il Lecce c'è, evidenzia una discreta manovra e all’8' passa in vantaggio: assist di Piatti per Giacomazzi che fa partire un gran destro dal limite che colpisce il palo e poi si infila in rete. L’uruguaiano è uno dei tanti ex in campo e non esulta. Il Palermo subisce il colpo e il Lecce potrebbe raddoppiare al 12' con Olivera che sfiora il palo alla sinistra di Sirigu. Il Palermo prende campo con il passare dei minuti, ma si registrano diversi passaggi sbagliati nella manovra rosanero. Al 26' morbido sinistro su punizione di Liverani deviato in angolo. 

Sul conseguente angolo dello stesso Liverani e Pinilla di testa anticipa tutti impegnando severamente Rosati che si salva in angolo. La squadra di Delio Rossi tiene constantemente l'iniziativa e con le giocate di Ilicic, Pastore e Pinilla mostra di poter mettere in difficoltà il Lecce, che comunque si difende bene e il primo tempo si chiude sullo 0-1. Non ci sono cambi al rientro delle due squadre in campo. Passano appena 38 secondi e il Lecce raddoppia: cross di Olivera da sinistra e perfetto stacco di testa di Corvia che batte imparabilmente Sirigu. 

Il Palermo si porta in avanti ma rischia ancora al 4' con una palla messa in mezzo da Corvia per piatti che viene anticipato per un soffio. All’8' il Palermo riapre la partita con Pinilla che si fa trovare pronto sulla corta respinta di Rosati su un tiro ravvicinato di Ilicic; primo gol per l’attaccante cileno. All’11' nel Palermo Bacinovic al posto di Liverani. Il Lecce non molla, non gioca solo per conservare il risultato ma quando ha l’occasione prova a colpire attaccando con più uomini. Al 17' Rossi prova a rinforzare l’attacco inserendo Hernandez per Nocerino. De Canio risponde con Sini al posto di Olivera. Al 23' Hernandez entra in area da destra con una bella giocata personale il suo sinistro sul palo più lontano si spegne a lato per un soffio. 

Al 27' Rispoli anticipa Pastore a due passi da Rosati. Palermo in avanti ma molto spesso fermato in fuorigioco, alcuni dei quali discutibili. Al 30' entra anche Maccarone per Pinilla. Al 34' occasione per il Lecce in contropiede ma Corvia invece di servira al centro conclude a rete sprecando una buona occasione. Dall’altra parte Balzaretti, favorito da un rimpallo, rischia di sorprendere Rosati. Al 35' Lecce in dieci per l’espulsione di Giacomazzi che già ammonito commette un fallo da giallo su Migliaccio. De Canio inserisce Coppola per Piatti. 

Il Palermo resta in avanti. Al 43' Migliaccio manca un’ottima occasione mandando alto di testa in area. Al 46' colpo di testa di Munoz su angolo da sinistra, palla a lato per un soffio. Al 48' arriva il pareggio del Palermo: conclusione di Pastore, respinta di Rosati Maccarone si avventa sul pallone e insacca. Ma non è ancora finita perchè Rosati devia in angolo una conclusione a botta sicura di Hernandez. Poi Bergonzi ferma l’ultimo pallone giocabile (azione pericolosa del Palermo) per la presenza di due palloni in campo. Finisce 2-2.
(Il centrocampista uruguayano del Lecce, Guillermo Giacomazzi (D) contrasta con Mauricio Pinilla (S), oggi 26 settembre 2010, allo stadio "Renzo Barbera" di Palermo. ANSA/MIKE PALAZZOTTO)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione