Cerca

Tra Lecce e Parma finisce 1-1 al «Via del Mare»

LECCE – Prevale la paura di sbagliare tra Lecce e Parma. Al «Via del Mare» finisce 1-1 in una gara molto tattica, a tratti bloccata, ravvivata dalle reti di Jeda su rigore e di Crespo e da poco altro. De Canio cambia volto al suo Lecce passando a un 4-3-1-2 con Piatti trequartista dietro l’inedito duo d’attacco Di Michele-Jeda. Sul fronte opposto consueto tridente per Marino, che dirotta Bojinov in panchina dando fiducia a Crespo, assistito in avanti da Marques e Giovinco
• Lecce-Parma per salvare Giorgia
Tra Lecce e Parma finisce 1-1 al «Via del Mare»
LECCE (4-3-1-2): Rosati 6; Vives 6, Gustavo 6, Ferrario 6, Giuliatto 6; Mesbah 6, Giacomazzi 6.5, Grossmuller 6; Piatti 6.5 (19'st Olivera 6); Di Michele 6 (35'st Corvia sv), Jeda 6.5 (23'st Ofere 6).
In panchina: Benassi, Fabiano, Rispoli, Coppola. 
Allenatore: De Canio 6. 

PARMA (4-3-3): Mirante 6; Zaccardo 6.5, Lucarelli 6, Paci 6, Gobbi 5; Valiani 6, Morrone 6, Candreva 5.5 (21'st Angelo 6.5); Giovinco 6 (1'st Bojinov 5.5), Marques 6, Crespo 6 (31'st Dzemaili sv). 
In panchina: Pavarini, Pisano, Paletta, Dellafiore. 
Allenatore: Marino 6. 
ARBITRO: Brighi di Cesena 6.5. 
RETI: 30'pt Jeda su rigore, 24'st Crespo. 

NOTE: Serata fresca, terreno in buone condizioni, spettatori 10 mila circa. 
Ammoniti: Gobbi, Vives. Angoli: 6-3. 
Recupero: 1', 4'. 

LECCE – Prevale la paura di sbagliare tra Lecce e Parma. Al «Via del Mare» finisce 1-1 in una gara molto tattica, a tratti bloccata, ravvivata dalle reti di Jeda su rigore e di Crespo e da poco altro. De Canio cambia volto al suo Lecce passando a un 4-3-1-2 con Piatti trequartista dietro l’inedito duo d’attacco Di Michele-Jeda. Sul fronte opposto consueto tridente per Marino, che dirotta Bojinov in panchina dando fiducia a Crespo, assistito in avanti da Marques e Giovinco. 

Al 9' conclusione da fuori area di Grossmuller, Mirante è attento e para. La risposta del Parma arriva al 12', con Zaccardo che sugli sviluppi di una punizione di Giovinco calcia in porta, chiamando Rosati alla respinta. Il Parma allarga molto il gioco grazie alla spinta di Candreva e Valiani, ma manca di concretezza in zona gol. La gara sembra bloccata, ma a spezzare l’equilibrio al 29' è uno sciagurato retropassaggio di Gobbi che apre la strada a Di Michele verso la porta, l’attaccante supera Mirante e serve Jeda, il cui tiro viene respinto sulla linea da Paci, sulla ribattuta lo stesso Gobbi atterra Piatti in area. È calcio di rigore e Jeda dal dischetto non sbaglia. La reazione del Parma si concretizza solo in un tiro a giro di Marques che finisce di poco alto. 

In avvio di ripresa Marino deve rinunciare a Giovinco (problemi muscolari) e lo sostituisce con Bojinov, che risulterà poco incisivo. Al 7' Rosati esce male su un corner e Candreva da fuori area calcia alto. Cinque minuti dopo è il Lecce ad andare vicinissimo al gol, con un sinistro di Di Michele sul quale Mirante devia in angolo con un grande intervento. Al 18' grande azione personale di Piatti, che entra in area ma manda a lato la conclusione. 

Poco dopo Marino sosituisce Candreva con Angelo, e la mossa è decisiva. Al 24' l'esterno destro ha spazio, va sul fondo e crossa al centro, dove Crespo anticipa Rosati e mette in rete l’1-1, segnando la sua duecentesima rete con squadre italiane. Poi il ritmo cala, c'è solo tempo per una buona occasione non sfruttata da Ofere al 40' e un minuto dopo per un sinistro sull'esterno della rete di Marques. 

Finisce con un punto per parte, e può anche andar bene per due squadre ancora in costruzione. 

(Foto: un contrasto tra l'attaccante brasiliano del Lecce Jeda e il difensore del Parma Massimo Gobbi - ANSA)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400