Cerca

Mercoledì 18 Ottobre 2017 | 22:13

Roma, 0-3 e due turni a porte chiuse

Lo ha deciso l'Uefa dopo il ferimento dell'arbitro Frisk e la sospensione della partita con la Dinamo Kiev di Champions League. Senza pubblico le due partite all'Olimpico Roma-Bayer Leverkusen del 3 novembre e Roma-Real Madrid dell'8 dicembre. Due giornate a Mexes
ROMA - La Roma giocherà le due prossime partite casalinghe di Champions League a porte chiuse. Lo ha deciso la Uefa dopo il ferimento dell'arbitro Frisk e la sospensione della partita con la Dinamo Kiev: il risultato è stato fissato in uno 0-3 a tavolino a favore della squadra ucraina. La commissione disciplinare dell'Uefa ha dunque deciso di punire la società giallorossa con la sconfitta a tavolino e la disputa a porte chiuse ma all'Olimpico delle due prossime partite del gruppo B di Champions (Roma-Bayer Leverkusen del 3 novembre e Roma-Real Madrid dell'8 dicembre).
Il difensore Philippe Mexes è stato inoltre squalificato per due giornate, per «condotta particolarmente antisportiva». «Nel prendere la sua decisione - spiega l'Uefa sul suo sito - la commissione disciplinare ha tenuto conto della serietà e della natura dell'incidente nel quale è rimasto ferito l'arbitro Anders Frisk, e che lo ha condotto ad abbandonare l'incontro». Ora la Roma ha tempo fino alla mezzanotte di venerdì 24 per presentare appello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione