Cerca

Domenica 22 Ottobre 2017 | 04:57

Processo alla Roma il 21 settembre

La commissione di controllo e disciplina dell'Uefa si riunirà a Nyon, in Svizzera, per esaminare gli incidenti occorsi durante la gara Roma-Dinamo Kiev, partita di Champions League sospesa per l'infortunio all'arbitro Frisk, colpito da un oggetto lanciato dalle tribune dello stadio Olimpico
GINEVRA - La commissione di controllo e disciplina dell'Uefa si riunirà martedì 21 settembre a Nyon, in Svizzera, per esaminare gli incidenti occorsi durante la gara Roma Dinamo Kiev, la partita di Champions League sospesa ieri per l'infortunio all'arbitro Frisk, colpito da un oggetto lanciato dalle tribune dello stadio Olimpico. La confederazione europea, deplorando i fatti dell'Olimpico, ha infatti reso noto che attende il rapporto di Frisk e del delegato Uefa su quanto avvenuto ieri a Roma.
In una nota diffusa stamane l'Uefa, che in mattinata sul suo sito aveva annunciato che l'indagine sui fatti dell'Olimpico è di fatto già iniziata, «deplora l'incidente occorso la scorsa notte allo stadio Olimpico di Roma, durante la partita fra la Roma e la Dinamo Kiev che non si è potuta ultimare dopo che un proiettile ha colpito e ferito l'arbitro Anders Frisk. L'arbitro ha sospeso la gara perché non era in grado di continuare a dirigerla e la sicurezza degli altri ufficiali di gara non poteva essere garantita».
La Confederazione europea ha aggiunto: «aspettiamo tutti i dettagli sulla vicenda da parte dell'arbitro e del delegato Uefa, ma è chiaro che un procedimento disciplinare verrà aperto contro l'AS Roma. La commissione di controllo e disciplina dell'Uefa si riunirà martedì 21 settembre per esaminare questo incidente». L'organismo disciplinare verrà presieduto dallo spagnolo Josep Lluis Vilaseca Guasch.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Altri articoli dalla sezione